Parcheggi Privati Sotterranei in commissione Ambiente al comune di Napoli [Video]

Stamane si è riunita la commissione ambiente avente all’ordine del giorno due punti :

1) inquinamento atmosferico

2) impatto ambientale dei parcheggi al Vomero-Arenella (PUP)

Hanno partecipato, il vicesindaco Tommaso Sodano, l’assessore alla mobilità Anna Donati ed il consigliere Carmine Attanasio, oltre a diversi comitati ed associazioni.

Personalmente sono intervenuto ad integrazione dei numerosi e condivisibili interventi che mi avevano preceduto, come sempre filmiamo tutto e mettiamo on line ed è per questo che piuttosto che scrivere vi lascio ai video che troverete in questo articolo sia nella versione integrale sia nella versione short dedicata ai parcheggi sotterranei ed in particolare al “De Bustis” che minaccia i giardinetti di via ruoppolo oggi Parco Marscagna, un piccolo fazzoletto verde che stà perdendo anche quel poco di buono che aveva a causa dell’infelce scelta di piazzare due prati di erba sintetica 🙁

Vi invito inoltre ad approfondire la questione parcheggi privati su suolo pubblico ai seguenti link :

Chiù box pe tutti – Continua la corsa al cemento al Vomero [Video]

Per il Comune di Napoli i cittadini non meritano risposte (petizione di 600 cittadini)
Napoli : Parcheggi nel Parco delle colline e parcheggi che crollano

Napoli-Box privati sotterranei mercatino p.zza degli Artisti, cosa ne pensano i commercianti? [Video]

Iscirviti al nostro canale Youtube clicca qui

Seguici su Facebook clicca qui

p.s. per completare l’informazione di seguito inseriamo il comunicato stampa del comune di napoli di oggi 13 dicembre 2011 relativo a questo incontro

Comunicato n. 191 del 13.12.2011

In Commissione Ambiente l’inquinamento e l’impatto ambientale dei parcheggi

La Commissione Ambiente, presieduta da Carlo Attanasio, ha riunito oggi comitati civici e ambientalisti della zona del Vomero e dell’Arenella con i due Assessori all’Ambiente, il Vice Sindaco Sodano, e alla Mobilità, Anna Donati, per trattare dell’inquinamento e dell’impatto ambientale dei parcheggi previsti dal Piano Urbano, programmati o in via di realizzazione.
Forte preoccupazione ha espresso il presidente Attanasio, aprendo la riunione, sia per l’aumento dell’inquinamento da traffico veicolare, al quale si aggiungono le emissioni dell’inceneritore di Acerra, che per l’impatto ambientale di alcuni parcheggi previsti dal Piano Urbano Parcheggi. In particolare, quello di Piazza Vittoria (che comporterebbe l’abbattimento di alberi secolari) e, al Vomero, quelli di Via Altamura e di Via De Bustiis che inciderebbero su una zona già fortemente penalizzata, anche dal punto di vista idrogeologico. Numerose le rappresentanze di associazioni e movimenti presenti alla riunione: Comitato Civico Vomero Arenella, Napoli Punto a Capo, Assoutenti di Napoli, Comitato Colli Aminei, Comitato San Martino, Movimento 5 Stelle.
Sul problema dell’inquinamento e delle centraline dell’Arpac è stato ribadito che le stesse sono collocate in modo sbagliato e che molte non sono funzionanti. Dati raccolti e confrontati dal Comitato Civico Vomero Arenella, riferiti in commissione, segnalano la mancanza di rilevazioni, per dicembre, di oltre il 40% e un effettivo superamento delle soglie di attenzione per ben 72 giorni nel corso dell’ultimo anno. I consiglieri intervenuti – Vernetti, Marco Russo, Schiano – hanno sottolineato l’opportunità di privilegiare la costruzione di parcheggi di interscambio per alleggerire il traffico, l’opportunità di dotare le sedi comunali di impianti che le rendano autonome dal punto di vista energetico, la pericolosità dei roghi notturni. Sull’adeguamento dei Regolamenti edilizi alla normativa che incentiva le energie rinnovabili ha parlato il presidente della Commissione Mobilità, Formisano, che ha tra l’altro ha riportato dati nazionali secondo i quali meno del 25% dei Comuni si è mosso in tal senso, e soprattutto al Nord.
Sul problema dei parcheggi, da parte delle associazioni e comitati presenti è stata espressa la contrarietà alla costruzione dei nuovi parcheggi che, tranne per quelli strettamente per i residenti, finiscono per incentivare l’uso delle auto private. E’ stata anche sottolineata la concentrazione dei 13 progetti residui dell’originario Piano Parcheggi proprio nella zona del Vomero e Arenella e la necessità di modificare le uscite della Tangenziale di Via Cilea e di Capodimonte per alleggerire il traffico veicolare sulla zona.
Il Vice Sindaco e Assessore all’Ambiente Sodano ha concordato sull’inaffidabilità dei dati forniti dall’Agenzia regionale per l’ambiente, alla quale è stata chiesta la manutenzione delle centraline, ora in corso, ed ha anticipato la prossima firma di una convenzione con l’università per arricchire i dati di rilevamento e confrontarli con quelli Arpac. L’attenzione dell’Amministrazione è concentrata sulla realizzazione di interventi per la mobilità – che non devono rientrare, come è stato richiesto al Presidente del Consiglio Monti – nei limiti del Patto di Stabilità. Con le risorse attualmente disponibili, saranno dotati di pannelli solari un deposito Metronapoli e le restanti 27 scuole del progetto già approvato.
L’Assessora alla mobilità Donati, da parte sua, ha ricordato che l’Amministrazione, proprio tenendo conto delle preoccupazioni già espresse da comitati e movimenti cittadini, non ha finora autorizzato nessun nuovo parcheggio e che i parcheggi programmati sono quelli già approvati in via definitiva, con procedure commissariali che, tra l’altro, consentivano deroghe anche al Piano regolatore. Anche su questi, però, la Giunta comunale sta portando avanti un approfondimento e sta verificando lo stato dei progetti. Una apposita delibera – che sarà portata all’attenzione del Consiglio – individuerà, quindi, quelli che vanno portati avanti. L’orientamento della Giunta, in generale, è quello di privilegiare due tipologie di parcheggi, e cioè quelli piccoli per i residenti e quelli grandi di interscambio, per consentire il miglioramento della qualità dell’aria grazie ad una mobilità sostenibile.
Il confronto dunque continuerà, come ha detto il presidente Attanasio in conclusione: c’è un forte allarme dei cittadini sulle questioni ambientali alle quali peraltro, e questo è un dato confortante, l’Amministrazione dedica la massima attenzione.

4 commenti su “Parcheggi Privati Sotterranei in commissione Ambiente al comune di Napoli [Video]

  1. l’uscita da Modificare, poichè l’abbiamo chiesto noi ed il Sig. Ciro Talotti è , oltre Cilea, quella di Colli Aminei. Credo che anche il senso delle parole di Anna Donati sia stato travisato. Non ha detto che intendono realizzare piccoli parcheggi per i Residenti, ma se li avessero fatti solo piccoli si poteva pensare di affrontare la cosa in modo più positivo, senza riserve.

    Antonio di Gennaro

    Noi abbiamo fatto notare la posizione sempre di Contrarietà alla realizzazione di Pertinenziali in un’area afflitta da autoveicoli di “provenienza esterna” alla Collina e non certo la sera, dopo le 20, sin dal primo momento assieme a 5 Stelle , al Comitato Arenella Vomero Gruppo Storico ed il Comitato di Giacomo Buonomo. Che sulla questione c’è stato muro assoluto nella trasparenza e nell’accesso ai documenti e non si sa come stanno le cose,non si sa perché decise in base a che e perchè,che la notizia venne data attraverso la Stampa con l’indicazione di 23 parcheggi in collina, poi ridotti a tredici. Che uno di essi insiste in zona ambientalmente protetta e per altro già è in costruzione(via Omodeo). Che viceversa il vecchio PUP prevedeva “solo” il 19% di Parcheggi Pertinenziali, per altro ai margini del Bacino Centrale di Traffico, tra cui via Cilea e su cui abbiamo chiesto si approfondisca, mentre per il resto di dovevano realizzare Parcheggi di Scambio o destinazione, ed, infine, abbiamo chiesto di integrare le Tariffe Parcheggio di Scambio – Trasporto Pubblico.

    Sul Tema ambientale, su cui siamo prima intervenuti, abbiamo chiesto si intervenga con decisione su chi di competenza per avere dati certi e sicuri dall’Arpac, che viene meno alle sue funzioni, e di vedere nel tempo, di allargare il più possibile la ZTL urbana, attestando i punti di ingresso a Capodimonte, Carlo III, Acton e tutti i margini esterni al bacino centrale di Traffico urbano. Andrebbe approfondito il discorso degli eccessivi flussi di traffico derivanti dalla Tangenziale che affliggono soprattutto le zone dell’Arenella fino a Piazza Medsaglie D’Oro e via Orsi nonché via Cilea.

    Siamo rimasti abbastanza soddisfatti dalle risposte date, sia dalla Donati che da Sodano che hanno parlato di future prospettive positive in direzione di quanto proposto anche da altri sugli stessi argomenti. Restiamo in attesa però di capire quante possibilità ci siano per non realizzare i pertinenziali, essendo il tutto purtroppo legato ai Poteri Commissariali nell’applicazione dei quali andrebbero trovati eventuali errori procedurali…..o margini di inesecutività progettuale…..

    Antonio di Gennaro
    delegato p.le Assoutenti Napoli

  2. Come Comitato Civico P.zza Medaglie D’Oro esprimo soddisfazione per ever richiamato gli eccessivi flussi di traffico derivanti dalla tangenziale che affliggono l’Arenella, in particolare P.zza Medaglie D’Oro, Via Orsi Via G. Gigante parte alta; insieme ad Antonio Di Gennaro di Assoutenti desidero sensibilizzare le Istituzioni per un incontro a breve con Tangenziale SpA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *