La Farmacia Popolare, lavoriamo per farne nascere una in ogni quartiere

Mi sono arrivate diverse mail che esprimevano disagio, ma io la definirei di più rabbia mista a disperazione per la totale assenza di prestazioni sanitarie a domicilio soprattutto nell’VIIIa municipalità, per cui ho mandato una mail all’Assessore per chiederle un incontro.

A distanza di una settimana, anche a seguito di diverse domande fatte in Commissione verso cui la Presidente non aveva chiare le risposte ricevo una mail e in seguito una telefonata per convocarmi da lei alle 17,30.
Le ho chiesto spiegazioni in merito e lei me le ha date , mi ha spiegato che è cambiato il consorzio referente e che, mentre nelle altre non aveva avuto problemi, nella V e nell’VIII c’erano stati; mi ha proprio detto, parole testuali: ” ci sono più turbolenze!!” collegate al coordinamento ma domani si allontanerà dal Consiglio proprio per fare partire la convenzione in modo che da Lunedì i servizi dovrebbero tornare ad essere erogati.

Rosario Napolitano è stato molto importante e da qui lo ringrazio con tutto il cuore perché ci siamo coordinati prima dell’incontro per avere il polso del funzionamento dei servizi in tutte le municipalità di Napoli e lui mi ha permesso di andare con notizie precise e fresche! L’Assessore Gaeta mi ha dato un documento di un’associazione “Disabili in Movimento” di Avellino legata al Movimento nazionale per promuovere integrazione della disabilità nella scuola. Ho mandato un messaggio a Carlo Sibilia per capirne un po’ di più, domani mi incontrerò durante il Consiglio anche con l’Assessore Palmieri della Scuola per coordinarci su questa iniziativa.
E’ stato un bell’incontro perché molto propositivo. E’ stato soprattutto un incontro tra persone e non tra schieramenti, a dire il vero questo all’inizio credo che sia stato per lei un po’ spiazzante perché non abituata ad avere a che fare con una forza politica che mette al centro la Persona sempre anche durante un incontro incontro ufficiale tra parti! Una rivoluzione di linguaggi, di occhi che si incontrano mentre ci si parla, dove sul tavolo si mettono sicuramente attenzione controllo ma soprattutto Idee, Lealtà, Onestà intellettuale! Valori Umani! Questo è il documento che le ho lasciato con piccole proposte da mettere in piedi subito ( L’Idea della Farmacia popolare è stata accolta con entusiasmo ci lavoreremo tutti insieme!)

PREMESSA
Su una popolazione di 976.302 abitanti, residenti nel comune di Napoli, circa 130.000 persone sono senza lavoro. Questo vuol dire rinunciare a ricevere cure medico-sanitarie, rinunciare a ricevere un’istruzione, a beneficiare dei mezzi di trasporto e, nei casi più disperati, rinunciare ad avere un pasto caldo al giorno.
Vogliamo attivare un cambiamento che porti a rigenerare l’ istituzioni del welfare conservando e rafforzando il ruolo politico istituzionale del Comune coordinandolo con tutti i settori che lo rappresentano al fine di esprimere l’ eterogeneità che lo caratterizza.
Inoltre essendo cittadini “prestati alla politica” abbiamo come unico interesse il bene comune, questo ci rende liberi e propositivi per dare il nostro contributo alla possibile soluzioni alla complessità problemi del disagio sociale

Sentiamo urgente porre l’attenzione sulla difficoltà di erogazione dei servizi sanitari domiciliari che sono aggravati non solo dalla turnazione delle ferie dello scarso personale operante, ma anche e soprattutto dai tagli al sistema sanitario che sta operando la Regione. Questo rende ancora più disagevole l’eventualità di un ricorso a strutture sanitarie, laddove c’è la possibilità di accedervi, in altri casi, come Lei sicuramente sa, i pazienti sono impossibilitati a muoversi perché allettati dalla malattia stessa e necessitano di assistenza domiciliare in quanto sono pazienti a lunga o media degenza.
Inoltre l’assenza di questa parte importante dell’operato dell’attività Comunali, genera grave disagio all’interno della famiglia su cui grava completamente la gestione e la cura del familiare ammalato, generando enormi difficoltà anche sul piano emotivo/psicologico dei componenti della famiglia stessa, generando a cascata situazioni depressive che prima o poi ricadranno sul nostro Sistema Sanitario.

Moltissime municipalità sentono fortemente il grave disagio del ritardo se non della sospensione dell’erogazione della prestazione sanitaria domiciliare ma dall’VIII° e dalla VII ci sono giunte moltissime segnalazioni di persone veramente al limite della possibilità di resistenza poiché l’erogazione dei servizi è sospesa

PROPOSTE da potere realizzare nell’immediato
Oltre all’attenzione costante che porremo all’interno del Bilancio alle voci indirizzate ai servizi di questo settore, verso i bandi per l’affidamento a cooperative del Coordinamento e verso la qualità del loro operato, pensiamo di potere:

1) Potenziare l’assistenza sanitaria a domicilio, per le lunghe e medie degenze, coinvolgendo Associazioni di volontariato. Avviare progetti di “Mutuo soccorso” con il supporto di cittadini, volontari, della terza età.
2) Istituire un Ambulatorio Popolare, uno spazio in cui medici e cittadini si aiuteranno a trovare risposte immediate a tutti i bisogni di assistenza sanitaria
3) FARMACIA POPOLARE istituita su ogni Municipalità (coinvolgendo anche su base volontaria farmacie di quartiere) dove ognuno potrà portare i farmaci che non utilizza più, evitando così di farli scadere e dando così la possibilità a di approvvigionamento semplice e a basso costo

Ci rediamo conto che il nostro Comune è in una condizione di pre-dissesto, e quindi delle difficoltà che il suo Assessorato deve attraversare per ottemperare ai suoi compiti che sente con la stessa urgenza e sensibilità di tutti noi, per questo metteremo a disposizioni tutte le nostre risorse di progettualità per arrivare all’obbiettivo comune di fornire l’erogazione dei servizi sanitari domiciliari ai cittadini napoletano nel rispetto dell’articolo 32 della nostra amata Costituzione che definisce la Salute un bene ed un diritto dei cittadini.

Lucia Francesca Menna 

Portavoce Movimento 5 Stelle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *