Menna (M5S): “Chiesto accesso agli atti ma sono dati incompleti”

Napoli, emergenza rifiuti: invito a dedurre per l’assessore al bilancio Palma

“Poco dopo il nostro insediamento al Comune abbiamo fatto una richiesta di accesso agli atti per conoscere la natura e la reale consistenza dei debiti fuori bilancio. La risposta che ci è arrivata riguardava esclusivamente quelli relativi ai primi 5 mesi del 2016 e le notizie che ci hanno dato erano parziali, i debiti relativi a UTA ( emergenza rifiuti ), per esempio, non c’erano. Abbiamo fatto una sollecitazione appena abbiamo visto l’approvazione del bilancio da parte della giunta per conoscere l’ammontare dei restanti debiti, ma a tutt’oggi non abbiamo ricevuto risposta”. così in una nota Francesca Menna, consigliere del comune di Napoli del M5S, dopo la notizia di inviti a dedurre per l’assessore al Bilancio del Comune di Napoli Salvatore Palma, dirigente Giuseppe Pulli e l’ex ragioniere generale Raffaele Mucciariello emessi dalla Procura della Corte dei Conti della Campania per la vicenda degli oneri di smaltimento rifiuti non pagati tra il 2005 e 2009 all’Uta della Protezione Civile. Il periodo indicato riguarda l’emergenza rifiuti in città. “Il Consiglio Comunale ed in particolare l’ Opposizione – ha attaccato la Menna – non viene messa al corrente della reale situazione delle casse del Comune di Napoli. Il bilancio ci è stato presentato una settimana prima della discussione mettendoci in grande difficoltà, e addirittura la relazione che lo accompagnava ci è stata fornita durante la seduta del Consiglio! Nella relazione del bilancio le notizie non sono chiare, hanno messo solo 20 milioni quando ammonterebbero a 66 ( UTA) a detta anche dei giornali, quelli da giugno al dicembre 2016 dovrebbero ammontare a 77 milioni ma, come dicevo non ne abbiamo i dettagli. Ci hanno presentato anche una documentazione incompleta, mancante di una tabella che riportava i criteri di sforamento per cui prima della discussione abbiamo presentato anche 2 pregiudiziali alla discussione”. “Abbiamo votato NO per l’approvazione del bilancio perché siamo realmente preoccupati per l’andamento economico del nostro Comune, e avevamo ragione! Non si riportano i dati incompleti e questo atteggiamento non a norma, fa tremare ancora di più le fondamenta dell’impalcatura debolissima su cui poggiano le ragioni per tenere in piedi questo bilancio. Vedremo cosa verrà fuori a Maggio quando dovremmo votare il consuntivo. Lì non si potrà non scrivere tutto”.

http://www.ilvelino.it/it/article/2017/04/22/napoli-emergenza-rifiuti-invito-a-dedurre-per-lassessore-al-bilancio-p/dfe26638-3cca-4d99-adac-8eb8c5b3fa1b/

Il Mattino di Napoli ” Il Comune occultò 71 milioni di debiti per i rifiuti. – La Corte dei conti accusa :  falsato il Piano di rientro del 2013

rifiuti debiti occultati 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *