Ex Fabbrica Corradini, un’opportunità sprecata

Ho ritenuto opportuno evidenziare la situazione dell’ex fabbrica Corradini, un’area di interesse archeologico e industriale per la quale dopo varie vicissitudini si è riusciti ad avere accesso a un bando per la ristrutturazione.

Una riqualificazione che doveva servire anche per avvicinare il quartiere al mare e come volano di sviluppo della zona di San Giovanni a Teduccio.

Purtroppo si deve notare che l’ex fabbrica Corradini, a San Giovanni a Teduccio, un complesso di archeologia industriale unico nel suo genere e sottoposto a vincolo non interessa molto, nonostante i 20 milioni stanziati per riqualificarlo da 5 anni, nonostante la speranza data ai cittadini della zona di poter usufruire entro il 2017 di un porto turistico, di un polo artigianale e di promozione culturale.

Un luogo, che seguendo l’esempio di quanto fatto a Roma in siti simili, sarebbe potuto diventare un museo e avrebbe potuto attrarre turismo in una zona dove ora c’è solo degrado.

Quello che ci si chiede è perché non si sono spesi i fondi disponibili ?

Perché una tale opportunità è stata sprecata?

Nulla è stato fatto e anzi si sceglie la zona per farne un sito di stoccaggio di rifiuti.

Un commento su “Ex Fabbrica Corradini, un’opportunità sprecata

  1. Sono vissuta nella villa Corradini dal57 al1964 o 65. Ho avuto un’adolescenza felice e libera in un’atmosfera che ancora nella memoria è vivida di ricordi molto affascinanti.Nel vecchio pollaio giocavo al ” museo” con i resti di marmi frantumati e modanati.Sapevo che vivevo in una casa che aveva visto tempi più. Belli e Corradini non mi diceva molto.Oggi con l’avvento di internet per pura curiosità,,ho scritto è trovato … Che dire … Da ragazza (studiavo arte) mi sembrava un posto molto particolare.Vivo nel lecchese dal70 . Non è che Crespi d’Adda può fornire qualche illuminazione a qualcuno?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *