Sindaco senza maggioranza faccia un passo indietro.

Dopo la chiusura degli uffici per carenza di personale perché non si è saputo programmare e organizzare seriamente la macchina comunale (i servizi essenziali previsti per legge di Anagrafe e Stato Civile quasi inesistenti in Città), il consiglio comunale che non si riunisce da mesi e non approva atti previsti per legge come il bilancio consolidato, la carenza di manutenzione ordinaria e straordinaria di strutture pubbliche come le scuole e le strade, i problemi di circolazione per la assenza di una Piano Traffico Cittadino, dopo tutto questo, ci aspettavamo un scatto di orgoglio da parte di questa amministrazione, del suo sindaco, della maggioranza consiliare.

Invece abbiamo solo avuto modo di ascoltare una registrazione, pubblica, nella quale sembrerebbe che alcuni consiglieri di maggioranza, valutano ormai insostenibile, e politicamente finito, questo sindaco e questa giunta, e ritengono che solo degli “accordi politici” possano assicurare la maggioranza in consiglio. Diversamente, sarebbe meglio andare al voto.

A parte ogni valutazione morale della vicenda, la stessa potrebbe assumere connotati gravi anche sotto i profili amministrativi e giuridici, degna solo del periodo più buio della Prima Repubblica. Dopo aver umiliato e messa in ginocchio una Città ed una macchina comunale con una gestione presuntuosa, arrogante ed incapace nel risolvere anche il più banale dei problemi che ogni giorno affliggono i cittadini, viene oggi alla luce, il vero ed unico obiettivo del sindaco e della sua maggioranza: assicurarsi un futuro sulle spalle dei cittadini.

Già nel nostro comunicato stampa del 9 ottobre, in cui segnalavamo la mancata convocazione del Consiglio Comunale, chiedevamo al sindaco “senza maggioranza” di porre fine a questa agonia politica ed in quello del 17 ottobre – sulla situazione delle fogne della zona collinare e ospedaliera, stante la situazione gestionale della salute pubblica, di fare un dignitoso passo indietro.

Ora possiamo solo dire che il passo indietro è semplicemente doveroso.

In ogni caso, i portavoce del Movimento 5 Stelle sono pronti, fin da subito, a sottoscrivere, con altri 19 Consiglieri di opposizione e maggioranza, una mozione di sfiducia.

I portavoce consiglieri Movimento 5 stelle Marta Matano Matteo Brambilla

Un commento su “Sindaco senza maggioranza faccia un passo indietro.

  1. Il mio parere è di non sfiduciare il sindaco, perché, soprattutto dopo la debacle in Umbria, abbiamo bisogno di tempo. Però, bisogna fare proposte, con una progettualita’ di pochi punti, sulle partecipate , su cose vive che toccano la carne dei cittadini. Esempio: 1- trasporti →regolarità dei bus; 2- taxi (ordine).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *