Il disastro del Rendiconto e i debiti alle stelle

Intervento sul disastro del Rendiconto 2019 senza una maggioranza politica nè un orizzonte futuro i debiti per 2,7 miliardi a carico delle future generazioni.

“Uno dei miei interventi più accorati, passionale, di pancia ma anche di testa, dove racconto della parabola discendente di questo sindaco da “ciao al…” alla rincorsa del consigliere in bagno per farlo votare ed avere i 21 consiglieri per tirare a campare… un racconto preciso di cosa si nasconde dietro i numeri del bilancio di rendiconto, ovvero quanto entra, quanto e come si spende, i debiti che si fanno, i residui attivi (quanto devo incassare) e quelli passivi (quanto devo pagare), per finire con i parametri di deficitarietà e l’indebitamento delle future generazioni. Questo è l’ultimo intervento come consigliere su un bilancio a consuntivo. Spero di essere stato all’altezza e di farvi capire in “potabile” una materia ostica. “

Delibera approvata con 24 presenti in aula 19 voti favorevoli e 5 contrari (Caniglia, Guangi, Mirra, Ulleto, Palmieri) mantenendo il numero legale.

Dal comunicato stampa del Consiglio Comunale del 4 agosto 2020

Matteo Brambilla (Movimento 5 Stelle) ha definito brutta la parabola dell’amministrazione dal 2011 ad oggi, quando la maggioranza riesce ad andare avanti solo grazie a uno o due voti.

Non si racconta la verità sui conti e sui debiti che verranno lasciati a chi verrà, e questo senza che da nove anni si decida di cambiare rotta. Si omette sempre di dire che senza gli aiuti del Governo già dal 2018 si sarebbe arrivati al dissesto.

Questo bilancio è “sospeso” perché bisogna aspettare la pronuncia di settembre delle sezioni riunite della Corte dei Conti e non si comprende il parere positivo dato dai revisori dei conti.

Nel dettaglio dei conti, gli aspetti negativi legati alle diverse fonti di entrata, dalla riscossione al patrimonio, e alle spese, che nei settori che più toccano la vita dei cittadini, come i trasporti, non riescono a rendere efficaci e soddisfacenti i servizi resi, nonostante gli ingenti esborsi.

qui c’è tutto il rendiconto 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *