Maria Paola uccisa dai pregiudizi

Marta Matano Intervento sulla morte di Maria Paola Gaglione inseguita in moto dal fratello che non accettava la sua relazione con un uomo trans. L’Aula, su nostra richiesta, ha osservato un minuto di silenzio in memoria di Maria Paola Gaglione e di tutte le vittime di omotransfobia in Italia.

MARTA MATANO ART. 37 sulla morte di Maria Paola

Maria Paola è morta, uccisa dall’ignoranza, dai pregiudizi, dal non rispetto della sua essenza. Maria Paola era innamorata ed era felice e questo sarebbe dovuto bastare. Ma per il fratello era inaccettabile che fosse innamorata di una persona a lui non gradita e questo lo ha portato ad ucciderla; perché, invece di farsi guidare dall’amore e dal rispetto, il fratello si è lasciato travolgere dall’Ira, dal pregiudizio e da quello che poteva pensare “la gente”!

Dimenticando che quella era sua sorella, e che non importava di CHI fosse innamorata, ma piuttosto se fosse felice. Bisogna accettare le persone per quello che sono e non per quello che vorremmo che fossero!

https://www.fanpage.it/napoli/inseguita-dal-fratello-perche-fidanzata-con-un-uomo-trans-cosi-e-morta-maria-paola-gaglione/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *