L’anomalia dei debiti

Con questo intervento ho spiegato l’anomalia rappresentata dalla presenza di questa mole di debiti fuori bilancio, segnale di cattiva gestione amministrativa da parte di questa amministrazione, così come sintomo di deficitarietà strutturale.

Una domanda: ma chi risponde dei danni procurati? perchè, mi sono chiesta, i revisori non chiedono le cause che hanno portato all’insorgere dei debiti ai singoli servizi e ai dirigenti, primi responsabili?

Anomalia dei debiti fuori bilancio Marta Matano

Oggi passeremo la giornata a parlare principalmente di 21.275.426,67 euro di debiti fuori bilancio. Si veda il caso dei debiti fuori bilancio riferibili alla Lettera A, e quindi conseguenti a contenziosi giudiziari, che nel nostro caso ammontano al 72% circa dei debiti fuori bilancio, per circa 15.132.541,99 euro, che siamo chiamati a discutere in consiglio comunale.

Se è un debito di natura giudiziaria, ed il comune non lo ha calcolato dimostra tutta la sua incapacità previsionale. Quindi nel caso del nostro Comune possiamo sottolineare la sua incapacità previsionale.

In particolare i debiti fuori bilancio lettera E ammontano a 6.142.884,68 euro proprio a debiti dovuti a spese non previste pari al 28%. In particolare riguardano spese condominiali e fitti passivi, energia elettrica, fornitura idrica e lavori di somma urgenza non approvati in tempo.

Per concludere vorrei farvi notare che i debiti fuori bilancio sono uno dei parametri di deficitarietà strutturale che se non si rispetta porta al dissesto… giusto un piccolo esempio…nei comuni che funzionano i debiti fuori bilancio rappresentano circa l’1% delle entrate di un Comune, a Napoli lo scorso anno ammontavano a più del 6%…tirate voi le conclusioni!

Le delibere sono state approvate tutte tranne la n. 477 del 28 dicembre 2020 che è stata rinviata.

Riepilogo delibere debiti fuori bilancio all’odg del consiglio del 30 dicembre 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *