Matteo Brambilla (M5s) Stadio San Paolo e Impianti sportivi L. 219/81

Matteo brambilla (M5s) intervento durante la monotematica del 15 ottobre 2018 su Stadio San Paolo ed impianti sportivi ex legge 219/1981.

Intervento fatto nel deserto dell’aula; la maggioranza, dopo aver toccato tutti i temi di politica nazionale, era praticamente inesistente in aula al posto di relazionare sul fallimento della gestione impianti sportivi.

A questo intervento l’assessore ha risposto come al solito insultando il sottoscritto ed i cinque stelle. Al posto di assumersi le sue responsabilità...

Ma demagogistris ha tanti seguaci in maggioranza… demagogia pura e sindrome da calimero da parte dell’assessore allo sport. l’intervento è lungo, ma è da ascoltare, ve lo consiglio.

Qui il video dell’intervento

intervento impianti sportivi

buonasera a tutti. Inizio dalla fine ovvero dall'intervento fatto oggi durante la monotematica su stadio san paolo ed impianti sportivi. intervento fatto nel deserto dell'aula; la maggioranza, dopo aver toccato tutti i temi di politica nazionale, era praticamente inesistente in aula al posto di relazionare sul fallimento della gestione impianti sportivi. A questo intervento l'assessore ha risposto come al solito insultando il sottoscritto ed i cinque stelle. Al posto di assumersi le sue responsabilità… Ma demagogistris ha tanti seguaci in maggioranza… demagogia pura e sindrome da calimero da parte dell'assessore allo sport. l'intervento è lungo, ma è da ascoltare, ve lo consiglio.

Posted by Matteo Brambilla on Monday, October 15, 2018

Aula semi deserta durante il Consiglio Comunale

Dopo un ampio dibattito, con l’intervento di molti consiglieri sul tema dello stadio San Paolo e degli impianti sportivi, la seduta del Consiglio si è conclusa con l’approvazione di una mozione, proposta dalle opposizioni, e di due ordini del giorno proposti dalla maggioranza, tutti indirizzati a riportare in Consiglio il confronto sullo Stadio e sui caratteri della nuova convenzione. Nel corso del dibattito seguito alla relazione dell’assessore Borriello è intervenuto il consigliere Matteo Brambilla (Movimento 5 Stelle), ha in primo luogo stigmatizzato il fatto che i banchi della maggioranza siano vuoti, così come quelli della Giunta; si è poi soffermato sulle cause della gestione fallimentare, a partire dal 2012, degli impianti sportivi della legge 219: nel 2015 è stato effettuato un audit sui differenti impianti, durato pochissimi giorni, dalla cui relazione finale emergevano carenze per le quali non sono stati presi provvedimenti dai dirigenti dell’amministrazione. Per il San Paolo, dopo aver ricostruito nel dettaglio la vicenda della convenzione e i pareri sull’argomento espressi dall’Avvocatura, Brambilla ha chiesto di capire in che modo sono stati utilizzati i fondi del mutuo acceso sulla struttura e perché il Comune non ha mai sorvegliato le scelte fatte dalla società, arrivando al punto di risultare debitore per interventi che non sarebbero stati di sua competenza. Ha concluso sulla mancanza di attenzione allo sport di strada e sullo stato di sostanziale abbandono dei giovani che vogliono fare sport in città.

 

Matano (M5s) sullo stato degli Impianti sportivi a Napoli

IMPIANTI SPORTIVI BENI COMUNI NEGATI 

Marta Matano (Movimento 5 Stelle) ha parlato degli altri impianti sportivi cittadini, come piscina Scandone, Palabarbuto e impianti periferici, per i quali negli anni sono state stanziate cospicue cifre e accesi mutui che poi non sono state utilizzate, determinando uno stato di generale degrado e abbandono; l’incapacità di gestione causa continui disagi ai cittadini e va spiegato cosa l’amministrazione intenda fare.

M5s, Ordine del Giorno su controllo emissioni nel Mediterraneo

Approvato all’unanimità l’Ordine del Giorno del Movimento 5 stelle in Consiglio Comunale sulla istituzione di un’area di controllo delle emissioni nel Mediterraneo (ECA) 

L’ordine del giorno  IMPEGNA IL SINDACO E LA GIUNTA  ad associarsi e sostenere la richiesta del Sindaco di Civitavecchia al Governo affinché per tutte le zone di mare venga applicato un tenore massimo di zolfo dei combustibili navali pari allo 0,10% in massa e al tempo stesso promuova l’istituzione di una nuova AREA di CONTROLLO delle EMISSIONI (ECA) nel Mediterraneo, in base alle procedure dell’Allegato VI della Convenzione MARPOL, che comprenda aree di controllo delle emissioni di ossidi di zolfo e particolato e di ossidi di azoto;

Stabilisce che copia del presente O.d.G. sia inviata al Presidente del Consiglio, al Ministro per le Infrastrutture, al Ministro per l’Ambiente, nonché ai Consigli Comunali delle 54 Città nei cui territori comunali insistono i porti elencati nella L. 89/1994, contestualmente all’invito ad approvare provvedimenti analoghi;

Promuovere sul tema una Conferenza delle Città portuali affinché il Governo adotti le misure indicate nel presente Ordine del Giorno. 

Matteo Brambilla       Marta Matano

Portavoce Movimento 5 stelle

30.07.2018 Lett Trasm. OdG Area ControlEmissionECA

M5s, Ordine del giorno in Consiglio sull’istituzione di un’area di controllo emissioni nel Mediterraneo (ECA)