Un principio fondamentale: il rifiuto non esiste

Quello sui rifiuti è il primo punto del nostro programma e parte da un principio fondamentale: il rifiuto non esiste, è materiale di scarto che va recuperato. In questo settore l’amministrazione ha fatto molto poco. La raccolta differenziata è ferma al 25%, un dato insufficiente.

Bisogna voltare pagina e bisogna farlo con una progettualità e una visione precise perché dalla gestione virtuosa dei rifiuti si Continua a leggere →

Il M5S si autofinanzia, sostienici anche tu con una donazione

Come sapete il MoVimento 5 Stelle non riceve alcun finanziamento pubblico e ha rinunciato a 42 milioni di euro di rimborsi elettorali per l’attuale legislatura.
Il MoVimento esiste se i cittadini vogliono che esista, l
a nostra sarà una campagna low cost realizzabile solo grazie al contributo delle persone e interamente finanziata dalle libere donazioni di chi vorrà sostenerci. Continua a leggere →

I vantaggi indotti del reddito di cittadinanza

reddito di cittadinanzaCredo sia superfluo parlare di cosa significhi il “reddito di cittadinanza” per chi si trova senza alcuna attività lavorativa. La garanzia del diritto alla sopravvivenza mentre, con il supporto delle Agenzie per l’impiego ci si riqualifica e ci si predispone magari anche ad una riconversione della propria attività lavorativa.

Ma questo non è l’unico vantaggio di una forma di sostegno sociale che oramai è presente in quasi tutta Europa, il vantaggio di una riforma che permette la flessibilità del lavoro senza incorrere nel fenomeno del precariato. Riflettendoci un attimo, vengono alla mente una serie di effetti indotti che vorrei elencare:

  • La corresponsione del reddito di cittadinanza rende liberi dal dover cercare un “lavoro a tutti i costi” e questo produce un crollo del mercato del lavoro nero
  • La diminuzione del lavoro nero induce le imprese ad assumere legalmente e quindi alla diminuzione dell’evasione fiscale e contributiva (di conseguenza aumentano anche gli introiti legati a tassazione del lavoro e a contributi)
  • La diminuzione del lavoro nero riduce la concorrenza sleale tra le imprese che non evadono e quelle che evadono, contribuendo così a definire un mercato più libero
  • Il miglioramento del funzionamento delle Agenzie per l’impiego rende inutili le Agenzie private ed il lavoro interinale, ridimensionando queste forme di sfruttamento autorizzato del lavoro
  • La necessità di formazione reale riqualifica mediamente l’intera cittadinanza in attesa di lavoro, in funzione delle reali necessità del mercato
  • La sostituzione di strumenti quali la cassa integrazione in deroga, o similari, con il reddito di cittadinanza, riporta ad una parità di trattamento tra i lavoratori della grande, media e piccola impresa (ma anche tra le stesse imprese) e perfino tra il popolo delle partite IVA
  • Anche nel caso del reddito di cittadinanza c’è immissione di denaro sul mercato e questo dovrebbe dare un ulteriore impulso alla crescita dell’economia interna

Insomma, non vi sembra che ne valga proprio la pena di attuare immediatamente una riforma del genere?