QUANDO APRIRA’ IL CENTRO POLIFUNZIONALE PISCINOLA ? INTERROGAZIONE M5s

CENTRO POLIFUNZIONALE PISCINOLA, QUANDO APRIRA’ ?

Matteo  Brambilla e Marta Matano gruppo consiliare del MoVimento 5 stelle hanno presentato oggi 6 novembre 2018 un’interrogazione a risposta scritta sull’assegnazione in concessione d’uso a titolo oneroso dei locali disponibili interni al Centro Polifunzionale di via Dietro la Vigna, 14/b – Piscinola.

Premesso che:

con Disposizione Dirigenziale del Servizio Politiche per la Casa n. 233 del 14/06/2016 è stato emanato un Avviso Pubblico finalizzato all’acquisizione di manifestazioni d’interesse per l’affidamento in concessione d’uso, con lavori di ristrutturazione a carico del concessionario, dei locali del predetto edificio posti ai piani terra-primo-secondo-terzo (già adibiti a scuola) ed al piano terzo (già ludoteca), da destinare ad attività di tipo sociale-sportivo, sociale, ricreativo, culturale e di ricerca-formazione ma non si è proceduto ad alcuna assegnazione dei locali;

come accertato dal Servizio Autonomo Polizia Locale, risultano ancora occupati senza titolo da nuclei familiari tre ex alloggi di servizio, avverso i quali sono state notificate le ordinanze di sgombero a cura del Servizio Politiche per la Casa;

con il trascorrere degli anni la struttura ha subito ripetuti furti e atti vandalici per cui appare indifferibile avviarne il recupero ed il reimpiego;

con disposizione dirigenziale n 11 del 5 luglio 2018 è stato approvato l’Avviso Pubblico  di selezione per l’assegnazione in concessione d’uso a titolo oneroso dei locali disponibili interni al Centro polifunzionale  di via Dietro La Vigna, 14/B a PISCINOLA;

nella predetta struttura, allo stato, è funzionante solo una biblioteca comunale mentre i locali, che all’epoca erano sede delle dismesse scuola e ludoteca, giacciono in stato di totale abbandono e degrado, come pure in stato di disuso si trova un locale ad uso bouvette;

ci viene segnalato da numerosi cittadini che la biblioteca comunale sita al quarto piano risulta inaccessibile ai disabili in quanto gli impianti elevatori siti sono chiusi da diversi mesi e le scale esterne di accesso non sono illuminate e pericolose;

 VISTO

Il grave stato di degrado in cui versa la struttura sia all’interno che all’esterno e che viene assicurato solo il funzionamento della biblioteca comunale;

La chiusura degli impianti elevatori causa un grave disagio a tutti i cittadini del quartiere Piscinola;, perché senza ascensore, la biblioteca sita al quarto piano diventa difficilmente raggiungibile. Una situazione che non consente a molti studenti disabili, che frequentano la biblioteca, di raggiungere le aule per le loro attività, perché ci sono difficoltà a percorrere le scale esterne, tenute peraltro in pessime condizioni ed al buio.

Chiedono di conoscere

  • lo stato del contenzioso tra il comune e la società di produzione cinematografica Cinerapa;

  • lo stato della fornitura dei nuovi libri per le biblioteche comunali per euro 182 mila finanziati da un mutuo della Cassa Depositi e Prestiti stanziati dalla Delibera di Giunta Comunale n. 437 di Variazione al Bilancio 2017/2019 con i poteri del Consiglio per applicazione di quote di avanzo vincolato di amministrazione relativo ratificata dalla delibera di Consiglio comunale n. 72 del 25 settembre 2018;

  • quali urgenti iniziative intenda assumere l’Amministrazione per la valorizzazione sociale, culturale, sportiva della struttura in relazione al ripristino urgente del normale funzionamento degli impianti elevatori e delle luci alle scale esterne di accesso alla biblioteca considerata l’affluenza di pubblico;

  • quante sono le domande pervenute in relazione all’Avviso Pubblico scaduto alle ore 12 del 24 settembre 2018;

  • entro quanto tempo si procederà all’assegnazione in concessione d’uso a titolo oneroso dei locali disponibili interno al Centro Polifunzionale di Via Dietro La Vigna, 14/B.

 I Portavoce Comunali del Gruppo Consiliare Movimento 5 Stelle

Matteo Brambilla                                  Marta Matano

Interrogazione Centro polifunz. Piscinola 6.11.2018

I4145_05072018_011_bando_polifunzionale_Piscinola_signed

allegato_planimetrie

POLIFUNZIONALE PISCINOLA – BIBLIOTECA TRA DEGRADO E BARRIERE PER DISABILI

#PeriferiAMO #BeniComuniNegati #PolifunzionalePiscinola

NOTIZIE DALLA PERIFERIA ABBANDONATA :  il  23 ottobre 2018 è stato effettuato un sopralluogo da alcuni attivisti , dai consiglieri comunali  M5s Matteo Brambilla, Marta Matano e dal consigliere regionale Luigi Cirillo presso il Centro Polifunzionale di Piscinola.

Il grido dei cittadini dei quartieri periferici di Napoli, che reclamamo il diritto di essere riconosciuti tali, attraverso poche e semplici parole: sport, arte, cultura, aggregazione, dignità.
Una struttura progettata male, cifre allucinanti spese per poi vedere il degrado, l’abbandono e la desolazione più totale.
E’ questo ciò che meritano? Non è più tempo di restare a guardare!
E’ tempo di rimboccarci le maniche e difendere ciò che è nostro!
#periferiAMO

http://www.comune.napoli.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/35879

Piscinola, l’ascensore è rotto: il dipendente comunale non può arrivare in biblioteca, ovviamente anche i ragazzi

http://www.napolitoday.it/cronaca/biblioteca-severino-piscinola.html

Commissione Giovani: “Far ripartire il Centro Polifunzionale di Piscinola”

 

Matteo Brambilla (M5s) Stadio San Paolo e Impianti sportivi L. 219/81

Matteo brambilla (M5s) intervento durante la monotematica del 15 ottobre 2018 su Stadio San Paolo ed impianti sportivi ex legge 219/1981.

Intervento fatto nel deserto dell’aula; la maggioranza, dopo aver toccato tutti i temi di politica nazionale, era praticamente inesistente in aula al posto di relazionare sul fallimento della gestione impianti sportivi.

A questo intervento l’assessore ha risposto come al solito insultando il sottoscritto ed i cinque stelle. Al posto di assumersi le sue responsabilità...

Ma demagogistris ha tanti seguaci in maggioranza… demagogia pura e sindrome da calimero da parte dell’assessore allo sport. l’intervento è lungo, ma è da ascoltare, ve lo consiglio.

Qui il video dell’intervento

intervento impianti sportivi

buonasera a tutti. Inizio dalla fine ovvero dall'intervento fatto oggi durante la monotematica su stadio san paolo ed impianti sportivi. intervento fatto nel deserto dell'aula; la maggioranza, dopo aver toccato tutti i temi di politica nazionale, era praticamente inesistente in aula al posto di relazionare sul fallimento della gestione impianti sportivi. A questo intervento l'assessore ha risposto come al solito insultando il sottoscritto ed i cinque stelle. Al posto di assumersi le sue responsabilità… Ma demagogistris ha tanti seguaci in maggioranza… demagogia pura e sindrome da calimero da parte dell'assessore allo sport. l'intervento è lungo, ma è da ascoltare, ve lo consiglio.

Posted by Matteo Brambilla on Monday, October 15, 2018

Aula semi deserta durante il Consiglio Comunale

Dopo un ampio dibattito, con l’intervento di molti consiglieri sul tema dello stadio San Paolo e degli impianti sportivi, la seduta del Consiglio si è conclusa con l’approvazione di una mozione, proposta dalle opposizioni, e di due ordini del giorno proposti dalla maggioranza, tutti indirizzati a riportare in Consiglio il confronto sullo Stadio e sui caratteri della nuova convenzione. Nel corso del dibattito seguito alla relazione dell’assessore Borriello è intervenuto il consigliere Matteo Brambilla (Movimento 5 Stelle), ha in primo luogo stigmatizzato il fatto che i banchi della maggioranza siano vuoti, così come quelli della Giunta; si è poi soffermato sulle cause della gestione fallimentare, a partire dal 2012, degli impianti sportivi della legge 219: nel 2015 è stato effettuato un audit sui differenti impianti, durato pochissimi giorni, dalla cui relazione finale emergevano carenze per le quali non sono stati presi provvedimenti dai dirigenti dell’amministrazione. Per il San Paolo, dopo aver ricostruito nel dettaglio la vicenda della convenzione e i pareri sull’argomento espressi dall’Avvocatura, Brambilla ha chiesto di capire in che modo sono stati utilizzati i fondi del mutuo acceso sulla struttura e perché il Comune non ha mai sorvegliato le scelte fatte dalla società, arrivando al punto di risultare debitore per interventi che non sarebbero stati di sua competenza. Ha concluso sulla mancanza di attenzione allo sport di strada e sullo stato di sostanziale abbandono dei giovani che vogliono fare sport in città.