Matano (M5s) in commissione Welfare la situazione del mendicicomio dei Cristallini

CONSIGLIO COMUNALE – In commissione Welfare la situazione del mendicicomio dei Cristallini

La commissione Welfare, presieduta da Maria Caniglia, ha discusso ieri 19 luglio delle prospettive della struttura dell’ex mendicicomio di Via dei Cristallini. E’ intervenuta l’assessora al Welfare della Terza Municipalità Laura Marmorale.

Una struttura di proprietà comunale un tempo dedita all’accoglienza di persone anziane indigenti, gestita da un ordine monastico che alla metà degli anni Novanta ha esaurito la sua funzione. Un progetto di riqualificazione dell’edificio, patrimonio Unesco, finanziato con fondi europei e con fondi comunali per una cifra complessiva di 12 milioni di euro, portato a termine nel 2015 con un preciso vincolo di destinazione socio-sanitaria. Questa la situazione dell’ex mendicicomio di Via dei Cristallini alla Sanità, descritta dalla consigliera Marta Matano (Movimento 5 Stelle), che ha richiesto la riunione odierna per capire come mai, a tre anni di distanza, la struttura sia ancora inutilizzata ed esposta ad atti vandalici che rendono vani i lavori di riqualificazione svolti. Serve quindi discutere delle prospettive di riapertura dell’edificio e dei progetti in corso per la sua valorizzazione.
L’assessora al Welfare della IIIa Municipalità, Laura Marmorale, ha ripercorso le tappe che hanno portato alla riqualificazione dell’edificio in funzione della sua originaria vocazione. Si tratta di una struttura di circa 7000 metri quadrati (dei quali 5000 coperti) che ospita diversi ambienti distribuiti su cinque piani, che è intollerabile vedere inutilizzati ed esposti a rischi di vandalizzazione e di incuria. Ci sono una serie di nodi da sciogliere, in particolare quello della destinazione d’uso – l’accoglienza di persone anziane in stato di indigenza – non più compatibile con l’attuale configurazione del Welfare su scala nazionale: è infatti impossibile che un ente locale possa sostenere la totalità delle spese per l’assistenza degli anziani indigenti, serve perciò una riflessione per rispettare il vincolo rendendo tuttavia sostenibile la sua riapertura. Un’ipotesi avanzata dalla Municipalità potrebbe essere quella della creazione di un polo delle politiche sociali territoriali trasversale, che accolga anziani indigenti secondo un principio di housing sociale (includendo in questa categoria quegli anziani che percepiscono la pensione sociale in grado di poter pagare un minimo contributo) ma anche anche altre fasce sociali del territorio , in modo da generare una commistione costruttiva anche per creazione di un polo di sviluppo territoriale. Serve quindi una nuova progettazione, per consentire i collaudi ed il completamento degli ultimi dettagli, al fine di mettere a bando i diversi servizi che la struttura potrà offrire al territorio.
Per il consigliere Vincenzo Moretto (Prima Napoli) è necessario portare avanti un progetto condiviso che coinvolga tutti gli assessorati competenti – Welfare, Patrimonio, Politiche urbane, Attività produttive – e immaginare formule idonee per la gestione dell’immobile, che è inaccettabile sia inutilizzato da così tanto tempo. Un’ipotesi potrebbe essere una fondazione, che è più idonea a contemperare la funzione “mista” che la struttura potrebbe avere, ma è anche importante avere a disposizione le relazioni tecniche sui rischi idrogeologici connessi alla prossimità del costone dei Camaldoli.
Un’attività da iniziare, ha concluso la presidente Caniglia, che convocherà al più presto un tavolo tecnico con tutti gli assessori competenti e con il Direttore Generale per riconsegnare la struttura alla città.

MENNA (M5s) AZIONI CONCRETE CONTRO IL DILAGARE DEGLI STUPRI ALLE DONNE

9 ottobre 2017  Intervento  di Francesca Menna in Consiglio Comunale.

Un’analisi Politica rispetto al dilagare degli stupri alle donne e per chiedere azioni concrete dell’Amministrazione rivolte alla prevenzione e soprattutto alla tutela delle donne più fragili quelle che vivono in condizioni di marginalità

Sulle questioni urgenti disciplinate dall’art. 37 del Regolamento del Consiglio Comunale, la consigliera Menna (Mov. 5 Stelle) ha chiesto di intervenire per denunciare i recenti episodi di violenza contro le donne registrati in tutta Italia, e anche a Napoli, evidenziando un nesso tra questi fenomeni e la situazione culturale generale di questo momento storico, nel quale l’approccio consumistico condiziona anche il rapporto tra i sessi: servono pertanto progetti precisi
dell’amministrazione per contrastare le violenze nelle marginalità.

 

Trasparenza, incompleta la delibera n. 394 su un finanziamento di 6 anni fa

TRASPARENZA

Sulla delibera 394 di variazione di bilancio coi poteri del consiglio sono intervenuto e si è accesa la discussione!!!

E’ una delibera piccola da poco più di 3.000 euro, ma se si ascolta bene si capisce come la macchina comunale non funzioni!!! Solo leggendo e studiando queste delibere riusciamo a capire gli ingranaggi e dove si blocca la macchina organizzativa. Se facessero così i nostri amministratori eviteremmo di ripetere sempre gli stessi errori. Ma studiare e leggere costa tempo e fatica, e non tutti sono in grado di saper vedere tra le parole… Noi ce la mettiamo tutta, davvero.

MATTEO BRAMBILLA 

e poi succede l’impensabile!!!

la presidente della commissione bilancio, incalzata dice che la commissione si è riunita il 31 agosto senza convocazione ufficiale e senza segretario, discutendo delle due delibere di variazione di bilancio. A questo punto intervengo, chiedendo a gran voce l’intervento del segretario generale, che non interviene!!! Altro che trasparenza e moralità… le delibere sono state poi rinviate ad altro consiglio.

Chiederemo il verbale della finta commissione e vedremo di procedere nelle giuste sedi per fa rispettare la legalità e la trasparenza!!!

DGC 394 20.07.2017 VarBil 17.19 €3.154,54

Parere dei Revisori presentato in data 5 settembre 2017

parere revisori DGC 394. 2017 pagamento Estate Ragazzi 2009