Come l’Amministrazione immobilizza i lavori di Commissione sulla Movida

Come l’Amministrazione immobilizza i lavori di Commissione sulla Movida

Per la seconda volta l’attività della Commissione giovani viene bloccata su lavori di mia iniziativa. Già a settembre accadde per i lavori sull’accoglienza degli studenti Erasmus. Ora per la Movida. Avevo proposto e ottenuto che la Commissione si interessasse al problema della Movida in città.

Con il Presidente Cecere (Dema) avevamo avviato un ciclo di audizioni dei comitati cittadini e avremmo continuato con quelle degli esercenti, per arrivare a una delibera di proposta consiliare a tutela degli abitanti tenuti in scacco dalla movida selvaggia e che riconoscesse e premiasse gli esercenti rispettosi.

Come a settembre fece l’Assessore Sardu, l’Assessore Clemente adesso ha iniziato a convocare a Palazzo San Giacomo gli interessati e ieri  si è recata dal Prefetto scavalcando, di fatto, la Commissione e delegittimando il faticoso lavoro che da 2 mesi si stava facendo.

L’Assessore, infatti, non è mai stata presente ai lavori di Commissione e nemmeno ha chiesto che i consiglieri comunali che stavano affrontando l’argomento fossero presenti agli incontri. Questa modalità dimostra arroganza e incapacità di misurarsi con un’opposizione che non usa i vecchi strumenti della politica ma si dimostra collaborativa e punta a lavorare davvero per la Città. Inoltre, vanificando il lavoro delle Commissioni, si dimostra incurante dell’utilizzo di denaro pubblico, se si pensa ai gettoni di presenza riconosciuti ai consiglieri per l’attività svolta in Commissione, soprattutto in un momento come questo nel quale la Città è a un passo dal dissesto.

Il Sindaco de Magistris che chiede collaborazione e convergenza sui temi, dovrebbe guardare cosa accade in casa sua, come si comportano gli assessori che non sanno collaborare e che entrano a gamba tesa scavalcando i lavori di Commissione e delegittimando le funzioni del Consiglio Comunale.

Collaborare e confrontarsi con le opposizioni significa fare un cambio di paradigma, pensare al bene dei cittadini prima che al proprio ruolo e alla propria visibilità. 

Francesca Menna 

Portavoce del Movimento 5 stelle al Consiglio Comunale 

http://www.ottopagine.it/na/cronaca/158455/movida-dal-primo-giugno-la-nuova-ordinanza-anti-caos.shtml