INTERROGAZIONE M5s : Gaiola Amianto sulla spiaggia di Trentaremi interdetta per pericolo frane

Gaiola Amianto sulla spiaggia di Trentaremi interdetta per pericolo frane

Il Gruppo del Movimento 5 stelle ha presentato un’interrogazione a risposta scritta sulla PRESENZA DI AMIANTO DAL 1959 SULLA SPIAGGIA DI TRENTAREMI   INTERDETTA PER PERICOLO DI FRANE E CADUTA MASSI AREA MARINA PROTETTA GAIOLA  –  balneabilità dei litorali – informazione ai cittadini e relativi controlli sui divieti.

Nell’Area marina protetta della Gaiola – spiaggia di Trentaremi, interdetta per problemi di pericolo di frane, meta di molti bagnanti ma raggiungibile via mare con canoe/barche/kaiak. , molti cittadini hanno segnalato sulla spiaggia la presenza di molti manufatti che sembrano di cemento di qualche decennio fa ma in realtà si tratta di rifiuti di amianto;

Tali manufatti sono esposti agli agenti atmosferici, friabili, sgretolati, e diffusi nell’aria attraverso i venti, possono aver contaminato le coste contigue, tra Marechiaro e Bagnoli. Si tratta degli scarti di lavorazione industriale della Cementir di Bagnoli, già denunciati da “Il Mattino” nel 1959.

La presenza di tali sostanze comporta un elevato rischio per la salute umana, tutelata dalla Costituzione all’art. 32 nonché dalla vigente normativa sia nazionale che europea.

491373 interrogazione presenza amianto alla gaiola

 

Ente gestore: soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei. Controllo: Carabinieri nucleo tutela beni archeologici, capitaneria di porto Napoli