Brambilla e Matano (M5s) sul disastro finanziario e sul trasporto pubblico locale al collasso

Intervista al TGR Campania del 29 settembre dei portavoce al Consiglio Comunale del Movimento 5 stelle Matteo Brambilla sul disastro finanziario e il blocco della spesa e la possibile sospensione dei ticket ai dipendenti comunali e Marta Matano sulla situazione disastrosa del trasporto pubblico locale, dello sciopero di ANM e CTP dopo l’ennesimo venerdi nero

 

http://www.napolitoday.it/attualita/sciopero-trasporti-napoli-28-settembre-2018.html

ANM tecnicamente fallita, ma per l’Assessore Panini la colpa è dei dirigenti

Disastro finanziario del Comune di Napoli: a pagare sono sempre gli stessi.

Disastro finanziario del Comune di Napoli: a pagare sono sempre gli stessi.

Disastro finanziario del Comune di Napoli: a pagare sono sempre gli stessi.  Comunicato stampa

In riferimento alle iniziative assunte dalla Amministrazione comunale per il contenimento della spesa, a seguito della deliberazione della Sezione Regionale della Corte dei Conti n. 107/2018, si rappresenta quanto segue:

– la decisione, assunta dagli uffici Direzionali, di sospendere l’erogazione dei buoni pasto al personale dipendente, appare unicamente come una misura “terroristica” nei confronti dei lavoratori con il solo intento di far ricadere su di essi la responsabilità di questa Giunta per le condizioni di dissesto dell’Ente. La Giunta tenta anche di far credere che tale situazione sia frutto dell’inerzia del Governo verso i problemi di Napoli tacendo che, dal 2011 ad oggi, il debito iniziale è ben più che triplicato passando da 800 milioni a 2 miliardi e mezzo di euro.

– la medesima valutazione va fatta anche in merito alla iniziativa di sospendere l’erogazione del salario accessorio. Anche questa decisione appare assolutamente scorretta e ingiusta verso i lavoratori sui quali si vuol far ricadere il peso degli errori commessi da questo Sindaco dal 2011 ad oggi.

Come non ricordare la mancata “valorizzazione” di immobili per coprire il debito, o il mancato recupero dell’evasione (nel 2016 zero euro e nel 2017 solo euro 150 a fronte di 900 mila recuperati da Genova, 1 miliardo e 300 mila da Milano, e ben 635 mila da un paese di soli 30mila abitanti in provincia di Bologna.). Ed ancora: il costo più elevato in assoluto per il personale di staff negli assessorati, la quantità di dirigenti a contratto – di alcuni dei quali non se ne avverte la necessità -, l’assunzione, nonostante il divieto di legge, di staffisti con legami parentali con l’Amministrazione, il mancato adeguamento delle indennità (stipendi e superminimi) nelle partecipate.

Questa Amministrazione ha consentito, ad alcune manifestazioni che da anni si svolgono sul Lungomare Caracciolo, di versare pochi euro per l’occupazione di suolo pubblico – l’ultima, in ordine di tempo, sarà la manifestazione in Piazza Dante per la Festa della Birra -, non esercita un adeguato controllo sulle occupazioni di suolo pubblico nonostante il nostro emendamento adottato dal Consiglio in ordine ai sistemi di controllo delle autorizzazioni COSAP, nè sulle autorizzazioni per i passi carrabili.

Ed infine la mancata attuazione dei servizi a domanda individuale per attività svolte in immobili di pregio come Palazzo Cavalcanti.

I consiglieri del Movimento 5 Stelle, fin dall’insediamento, hanno denunciato il grave stato di disavanzo finanziario dell’Ente, le difficoltà delle partecipate e la loro gestione dissennata.

Oggi assistiamo a questa ulteriore “sceneggiata” da parte dell’Amministrazione, dopo quella sul debito ingiusto, ma con l’aggravante di danneggiare il personale dipendente e la Città intera dopo che questo Sindaco e la sua Giunta, hanno dilapidato le risorse umane e finanziarie con una gestione scriteriata dell’Ente.

I Consiglieri Comunali del Movimento 5 Stelle

Marta MATANO        Matteo BRAMBILLA

Stop ai ticket mensa: è bufera al Comune di Napoli

26 sett il Comune blocca i buoni pasto

26 sett a rischio buoni pasto dipendenti

27 sett Buoni Pasto frenata di Dema ma si parla anche di noi

27 sett buoni pasto convocati i sindacati riportato stralcio del comunicato

27 sett M5S disastro finanziario dell’ente – ci siamo evviva

 

 

 

IL DRAMMA DELLA REFEZIONE A NAPOLI

La Refezione scolastica a Napoli non è partita ancora e siamo già ad un mese e più dall’inizio della Scuola.

I motivi che ci sono stati riportati in Commissione dall’Assessore sono da attribuirsi al fatto che il bando di gara si è aperto il 5 giugno a seguito dell’approvazione del bilancio.

Tutto questo, ovviamente, porta un rallentamento dell’erogazione del servizio poiché bisogna rispettare i tempi “tecnici”, inoltre il bando non è unico ma diviso tra le 10 municipalità e questo comporta un’ulteriore rallentamento.

Noi del Movimento 5 stelle abbiamo fatto osservare che era necessario apportare una modifica al regolamento per rendere la procedura ottimale e ci stiamo già adoperando per proporre delle modifiche riferendoci anche a quanto avviene in altri Comuni Italiani (Torino) :

1) Bisognerebbe fare un unico bando;

2) Bisognerebbe fare un bando almeno biennale che preveda la clausola che l’erogazione del servizio dell’anno successivo, in questo modo, anche se il bilancio dovesse essere approvato in ritardo come è avvenuto quest’anno, non ci sarebbero i rallentamenti dovuti alla ricostruzione di un nuovo bando.

Il problema che ci preoccupa, adesso, invece è questo: essendo un servizio non considerato essenziale verrà comunque erogato adesso che la Corte dei Conti ha stabilito il blocco di tutti i servizi non considerati essenziali? Se avessimo fatto la gara e i contratti prima del 16 ottobre non avremmo avuto problemi con la Corte dei Conti. 

Chiederemo una commissione ad hoc e porteremo le nostre proposte a cui stiamo già lavorando.

A livello nazionale, è importante fare in modo che il servizio di refezione venga contemplato tra i servizi essenziali all’interno il diritto allo Studio poiché condizione indispensabile alla possibilità di istituire il tempo prolungato che è un Diritto dell’alunno e della Famiglia.

Lucia Francesca Menna

Gruppo Movimento 5 stelle

Commissione consiliare SCUOLA e ISTRUZIONE