BONIFICA AREE EX SAFCO ED EX BREGLIA INTERROGAZIONE M5S

Il gruppo consiliare del MoVimento 5 stelle ha presentato oggi 29 ottobre 2018 un’interrogazione a risposta scritta su interventi di bonifica aree ex SAFCO ed ex BREGLIA – interventi di riqualificazione – messa in sicurezza.

PREMESSO CHE:

– Nel territorio posto nella zona EST di Napoli, già sede di insediamenti industriali, sono presenti delle aree, individuate quali aree ex SAFCO  ed ex BREGLIA, che rappresentano da anni un grave problema di inquinamento ambientale poichè, oltre che come ex siti industriali, in dette aree vi sono stoccati rifiuti di ogni tipo, non selezionati inquinanti e non ;

oltre a costituire una fonte di inquinamento del suolo, dette aree sono sicuramente una fonte di inquinamento anche dell’aria perché i rifiuti abbandonati in questi luoghi, sono soggetti a combustione – probabilmente anche di origine dolosa – con produzione di fumi tossici;

tale grave situazione, già più volte segnalata agli organi amministrativi comunali, ha indotto la convocazione della Commissione Consiliare Ambiente – tenutasi poi in data 30 agosto 2018 – per  approfondire le azioni già poste in essere e quelle programmate per il risanamento e la riqualificazione di questi ex siti industriali;

– in particolare, dal 2012 in poi, sono stati poste in essere una serie di azioni amministrative e giudiziarie, per attivare poi gli interventi di bonifica, poiché trattasi di aree private;

– il Presidente della Commissione Ambiente, in quella occasione, assicurò che avrebbe sollecitato l’ARPAC e tutti gli enti coinvolti nella vicenda al fine di pervenire ad una rapida soluzione della  questione, aggiornando le attività della Commissione sul tema, da lì ad un mese;

A tutt’oggi, non solo non si è tenuta la seduta della Commissione Consiliare ma, non sono state fornite notizie né in merito ai solleciti inviati agli enti coinvolti, né sulla situazione amministrativa/giudiziaria né, infine, sugli eventuali interventi eseguiti e/o programmati;

Tenuto altresì conto che la tutela della salute e dell’ambiente rientrano specificatamente nelle competenze del Sindaco quali beni da tutelare e che la loro tutela rappresenta sicuramente un indice della capacità amministrativa di una Giunta comunale;

Tutto ciò premesso e ritenuto,   

SI INTERROGA

il Sindaco e codesta Amministrazione

– al fine di informare su quale sia lo stato attuale delle pratiche amministrative e di contenzioso sia in generale che con i proprietari delle aree in particolare;

– al fine di far conoscere quali sono gli interventi previsti e programmati nell’ipotesi in cui il Comune dovesse intervenire con lavori in danno delle proprietà per la bonifica e di risanamento ambientale delle aree summenzionate;

– al fine di far sapere le iniziative che si intendono porre in essere o che siano già state attivate nell’ipotesi in cui la situazione sia rimasta immutata dal 30 agosto 2018 ad oggi.

I Consiglieri del Gruppo Consiliari       “Movimento Cinquestelle”   

   Marta MATANO                                          Matteo BRAMBILLA

10_ Interrogazione a risposta scritta Bonifica aree SAFCO_Breglia

Campo Rom di Cupa Perillo Marta Matano (M5s) in commissione Welfare

Il 3 ottobre in Commissione Welfare è stato affrontato il tema del campo Rom di Cupa Perillo con il Vicesindaco Raffaele Del Giudice e i portavoce del Movimento 5 stelle Marta Matano e Matteo Brambilla

La commissione Welfare, presieduta da Maria Caniglia, ha fatto il punto oggi sulla situazione del campo Rom di Cupa Perillo. Sono intervenuti l’assessore all’Ambiente Raffaele Del Giudice ed il vicepresidente della VIIIa Municipalità Salvatore Passaro.

Una riunione convocata in seguito ad una nota del presidente dell’Ottava Municipalità Apostolos Paipais, che ha chiesto un confronto in Commissione Welfare sulla attuale condizione del campo Rom di Cupa Perillo.
Come ha illustrato il vicepresidente dell’Ottava Municipalità, Salvatore Passaro, la situazione nel campo di Cupa Perillo, in seguito al devastante incendio dell’agosto del 2017, continua ad essere estremamente critica. A dispetto della presenza, in prossimità dell’area, dell’autoparco Asia e di un’isola ecologica, si registrano continui sversamenti illegali e roghi di rifiuti, e non produce risultati il presidio h24 dei militari dell’Esercito perché i trasgressori conoscono gli orari del cambio turno, e senza alcun controllo raggiungono il campo, sversano e riescono anche ad appiccare il fuoco. Una situazione pericolosa che – al netto di denunce presentate all’Autorità Giudiziaria – chiama in causa anche la Municipalità e l’Amministrazione per tutelare le persone che ancora vivono nel campo e nelle immediate adiacenze: è dello scorso 10 settembre un sopralluogo svolto nel campo da parte della Municipalità e dei sanitari del Distretto 28 dell’Asl (il verbale dell’Asl è stato consegnato alla Commissione), dal quale emerge una situazione di altissimo rischio per la presenza nel campo di rifiuti pericolosi. Per questo, in rappresentanza della Municipalità, il vicepresidente Passaro ha chiesto che si possano subito installare delle telecamere nell’area, per scongiurare sversamenti abusivi (effettuati da privati cittadini spesso provenienti da fuori Comune) e, per la tutela della salute pubblica, ha chiesto che si attivino al più presto le procedure per sgomberare dal campo le unità familiari che ancora vi risiedono, e consentire la caratterizzazione dei rifiuti e l’avvio della bonifica, tenuto conto che i fondi sono stati stanziati dalla Regione. Questi aspetti sono stati ribaditi anche dalla consigliera Alessia Quaglietta (Partito Democratico) che ha ricordato come in diverse riunioni della commissione Welfare sia stato affrontato il tema di Cupa Perillo, dove si registrano numerosi casi di neoplasie tra gli abitanti del campo, e sul quale serve una risposta seria dell’Amministrazione sui tempi dello sgombero per consentire la bonifica.

L’assessore all’Ambiente Raffaele Del Giudice ha specificato che dal 27 agosto 2017, data dell’incendio di Cupa Perillo, l’attenzione dell’Amministrazione è massima. Attraverso il Comitato per l’ Ordine Pubblico e la Sicurezza sono state seguite tutte le fasi di messa in sicurezza dell’area, sono state avviate iniziative con Asia per ampliare l’isola ecologica (consentendo anche ai residenti del campo Rom di conferire ingombranti) e sono stati effettuati diversi interventi sulle rampe dell’Asse Mediano per liberarle dai rifiuti. Ricordando che Asia non ha competenza per la rimozione di rifiuti speciali, è stato chiesto comunque all’azienda di effettuare una stima di massima dell’operazione, che ammonterebbe a circa 1,2 milioni di euro. Del Giudice ha inoltre evidenziato che tutta la gestione delle procedure di quest’ultimo anno si sono svolte nel massimo rispetto della filiera istituzionale; proprio in seno al Comitato per l’Ordine Pubblico e la Sicurezza è stato stabilito che la bonifica del campo di Cupa Perillo verrà effettuata da Invitalia nell’ambito del Piano Regionale di Bonifica. Il Comune ha approvato all’inizio di agosto la delibera che dà il via alla stipula della convenzione per la bonifica e l’ha inviata alla Regione, si attende ora la convocazione per la firma definitiva della convenzione. Sugli altri aspetti evidenziati, l’Assessore ha ricordato che le carenze di personale anche nelle forze dell’ordine rendono difficile il ricorso alle telecamere, ma ha evidenziato i controlli svolti dalla U.O. Tutela Ambientale della Polizia Locale e l’importanza degli screening sanitari sul territorio. Si è impegnato a riportare nel Comitato per l’Ordine Pubblico e la Sicurezza quanto è emerso nella discussione di oggi.
Tra i consiglieri intervenuti, Marta Matano (Movimento 5 Stelle) ha evidenziato l’importanza che gli esiti degli screening sanitari siano inseriti nel Registro Tumori e ha suggerito che il personale idoneo ai servizi interni della Polizia Locale possa essere impiegato per le attività di videosorveglianza (una soluzione, ha risposto Del Giudice, già messa in campo dall’Amministrazione).

Vincenzo Moretto (Prima Napoli) ha invitato a non confondere le situazioni emergenziali con le misure messe in campo per evitare che certi fenomeni si ripetano: nel caso di Cupa Perillo è evidente che le misure finora adottate non sono state sufficienti. Se si continuano a registrare sversamenti e roghi, se il verbale dell’ASL del 10 settembre esprime ancora una situazione preoccupante, vuol dire che servono interventi urgenti e risolutivi a tutela della salute pubblica.

Matteo Brambilla (Movimento 5 Stelle) ha ricordato che la situazione dei rifiuti e dei roghi lungo l’Asse Mediano continua ad essere critica; è necessario inoltre sapere – una volta che sono stati persi i 7 milioni di finanziamento per il Campo di Cupa Perillo – se dopo la bonifica sarà possibile accedere a nuovi finanziamenti e riprendere il vecchio progetto.

Per Laura Bismuto (Dema), oltre alla questione ambientale – sulla quale pure ha espresso perplessità per l’impiego dell’Esercito e ha ricordato le numerose richieste, disattese, di fornire i residenti del campo di contenitori per la raccolta differenziata e di organizzare incontri formativi – sarebbe stato opportuno discutere oggi con l’assessora Gaeta, impossibilitata a partecipare alla riunione, di diversi aspetti legati alle condizioni della comunità Rom nel campo: sarebbe infatti utile sapere cosa ne è stato delle famiglie che hanno usufruito dell’incentivo di 5000 euro per lasciare l’auditorium della Municipalità, dove si pensa di collocare le circa 600 persone (delle quali 2/3 bambini) che ancora vivono nel campo quando si dovrà effettuare la rimozione dei rifiuti e la bonifica. Diego Venanzoni (Partito Democratico) ha evidenziato che, nel caso di Cupa Perillo, sulla quale la Regione ha confermato che ci sono le risorse per la bonifica, ognuno deve fare un passo avanti, evitando corti-circuiti istituzionali, nell’interesse della collettività.
Dopo una breve replica di Del Giudice, che ha confermato che il Comune attende la convocazione della Regione per la firma della convenzione, ed alcuni chiarimenti forniti dal dottor Morelli dell’assessorato al Welfare sulla questione dei Rom, la presidente Caniglia, che ha ricordato come la Commissione abbia sempre recepito le richieste di confronto dell’Ottava Municipalità sul caso di Cupa Perillo, ha stabilito di convocare una nuova riunione con la partecipazione dell’assessora Gaeta.

AMIANTO A PIANURA VIA GROTTOLE LAVORI DI BONIFICA SOMMA URGENZA E DEBITO FUORI BILANCIO

#HELPAMIANTO – AMIANTO PRESENTE NEL CANTIERE ABBANDONATO

Consiglio comunale 5 ottobre 2017  Matteo Brambilla (Movimento  5 Stelle) ha richiamato l’attenzione anche sulle discutibili modalità dell’intervento di bonifica e di smaltimento dell’amianto effettuati, oggetto di discussione anche in commissione consiliare, ha evidenziato l’ter della delibera segnata da numerosi incongruenze e ritardi causando un debito fuori bilancio.

Delibera G.C. n. 135 del 23.03.2017 Proposta al Consiglio: Presa d’atto del verbale di somma urgenza del 15/12/2016, redatto ai sensi dell’art. 163 del D.Lgs. n. 50/2016, ed approvazione della perizia relativa ai lavori minimi indispensabili così come prescritti dalla ASL Napoli 1 il 22/02/2017, “per la bonifica da amianto e il trattamento e conferimento differenziato dei rifiuti presenti all’interno dell’area, ubicata in via dell’Avvenire all’incrocio con via Grottole”. Proposta al Consiglio, ai sensi del comma 3 dell’art. 191 del TUEL, del riconoscimento della spesa di € 482.803,74 necessaria per i suddetti interventi di somma urgenza. Prelevamento dal fondo di riserva, ai sensi dell’art. 166 del D.Lgs. n. 267/2000. Vicesindaco: Del Giudice

la delibera è stata approvata a maggioranza 23 si e 3 no ( Movimento 5 stelle, Prima Napoli e Napoli Popolare) 

Sulla delibera n. 135/2017, sulla presa d’atto del verbale di somma urgenza ed approvazione della perizia relativa ai lavori minimi indispensabili prescritti dalla Asl Napoli 1 per la bonifica da amianto e il trattamento differenziato dei rifiuti presenti all’interno dell’area ubicata in via dell’Avvenire, all’incrocio con via Grottole, il consigliere Santoro (Misto-Fratelli d’Italia) ha illustrato una “questione pregiudiziale”; ha chiesto di non discutere l’atto evidenziando, con una lunga ricostruzione della vicenda, irregolarità procedurali ed errori nel merito delle decisioni adottate dall’amministrazione. Sulla pregiudiziale erano d’accordo Movimento 5 stelle , Prima Napoli e Napoli Popolare.  Brambilla (Movimento  5 Stelle) ha richiamato l’attenzione anche sulle discutibili modalità dell’intervento di bonifica e di smaltimento dell’amianto effettuati, oggetto di discussione anche in commissione consiliare.

Dopo il parere negativo sulla questione pregiudiziale, l’assessore all’Ambiente Del Giudice è intervenuto per ribadire la correttezza dell’atto e della procedura seguita dall’amministrazione, obbligata ad intervenire per la salute pubblica quando si tratta di bonifiche da amianto, la questione pregiudiziale è stata votata per appello nominale e respinta (22 no, 7 si, 2 astenuti).

 

settembre 2015 http://www.ildesk.it/campania/pianura-amianto-rimosso-dal-cantiere-comunale-senza-misure-di-sicurezza-ce-la-denuncia/

Gennaio 2017 http://napolitoday.it/green/life/situazione-bonifica-sversamenti-illegali-via-grottole.html