Casa del Cinema, Matano (M5s) Servizio a domanda individuale (delibera n. 301)

Casa del Cinema intervento della Portavoce Marta Matano (M5s)

Matano (Movimento 5 Stelle) ha ricordato che per la Casa del Cinema era prevista l’istituzione di un servizio a domanda individuale e, nel merito, la diversa distribuzione delle risorse che ammontano a circa 70mila euro. Consiglio Comunale 6 agosto 2018

Ratifica Delibera di G.C. n.301 del 21.06.2018 con i poteri del Consiglio comunale, ai sensi degli art. 42 comma 4 e 175 comma 4 del Dlgs. 267/2000 e ss.mm.ii., proporre alcune variazioni al bilancio di previsione 2018/2020, annualità 2018 parte spesa. Assessore: Daniele    APPROVATA A MAGGIORANZA

DGC 301 21.06.2018 VariazBil 2018 parte spesa

Parere CollRevis DGC 301 21.06.2018

Illustrata dall’assessore alla Cultura Daniele, la delibera n.301/2018 adottata dalla Giunta con i poteri del Consiglio, la delibera propone, come spiegato dall’assessore, alcune variazioni nelle previsioni, ad esempio, dalla voce programmazione culturale a quella che consente miglioramenti alla struttura del Pan che ospiterà importanti mostre di carattere internazionale, l’acquisto materiali per la Casa del Cinema, un piccolo finanziamento per la meritoria opera svolta dall’Orchestra Scarlatti.

Sono intervenuti i consiglieri: Matano (Movimento 5 Stelle) che ha ricordato che per la Casa del Cinema era prevista l’istituzione di un servizio a domanda individuale e, nel merito, la diversa distribuzione delle risorse che ammontano a circa 70mila euro;

Coccia (Napoli in Comune a Sinistra) che ha invece sostenuto la necessità di intensificare il finanziamento per queste istituzioni anche per le molte produzioni cinematografiche in corso in città;

Moretto (Prima Napoli) che ha sostenuto che un Comune in predissesto non può aggravare le spese ma, anzi, deve mettere a reddito i propri beni, ed ha chiesto come mai il servizio a domanda individuale non sia stato ancora istituito.

Nella replica, l’assessore Daniele ha spiegato che per un anno la Casa del Cinema è gestita come sperimentazione, che le produzioni ospitate nella Casa corrispondono alla città oneri anche in termini di prestazioni e servizi e che la cultura, in generale, non è un costo per la città ma una importante leva economica e di promozione.

Dopo un intervento del consigliere Brambilla (Movimento 5 Stelle), che ha ribadito il voto contrario alla delibera e contestato le modalità con cui si spendono le risorse della tassa di soggiorno, la delibera è stata approvata a maggioranza con il voto contrario delle opposizioni e l’astensione del presidente Fucito.

Casa del Cinema a Palazzo Cavalcanti accesso atti sul funzionamento

Per fare chiarezza sul funzionamento dell’U.O. Ufficio Cinema sito a Palazzo Cavalcanti abbiamo fatto richiesta di accesso atti urgente di tutta la documentazione relativa per l’utilizzo degli spazi di Palazzo Cavalcanti da parte delle società/case di produzione.

Il portavoce del Movimento 5 stelle

Matteo Brambilla

25 giugno Accesso atti UO Ufficio cinema Palazzo CAvalcanti

 

CASA DEL CINEMA-COSAP : inviati due schemi di delibere di iniziativa consiliare

Ieri, 7 giugno, abbiamo inviato al Presidente del Consiglio Comunale, due schemi di delibere di iniziativa consiliare.

Il principio che ci ha mosso nel proporle è quello che l’Ente Comunale versa in uno stato contabile-finanziario deficitario e, pertanto, appare opportuno procedere, laddove possibile, al recupero di entrate (non tributarie), soprattutto quando sussistono (come in questi due casi) atti deliberativi della Giunta che indirizzano in tal senso.

CASA DEL CINEMA

La prima proposta prevede l’istituzione del servizio a domanda individuale per l’utilizzo delle Sale di Palazzo Cavalcanti, dedicate alla “Casa del Cinema”.

Infatti nella deliberazione di Giunta che istituiva la “Casa del Cinema”, era indicata, come modalità di utilizzo delle sale medesime, quella del servizio a domanda individuale, ma ad oggi – tale modalità di gestione, con i relativi introiti – non ha avuto concreta realizzazione.

COSAP
Il secondo schema va a rafforzare l’emendamento da noi presentato, ed approvato, relativo all’articolo 30 del nuovo
Regolamento COSAP, che introduce l’ulteriore voce di entrata, per il Comune, in caso di manifestazioni con vendita di biglietti di ingresso.

Con questa proposta chiediamo che venga istituito – in bilancio – apposito capitolo di entrata, al fine di introitare le somme dovute dagli organizzatori, capitolo che ad oggi non è stato né previsto né istituito.
Queste, in sintesi, le due proposte che abbiamo presentato, avendo sempre come obiettivo la migliore organizzazione amministrativa per avere la migliore Città possibile.

Matteo Brambilla portavoce al Consiglio comunale Movimento 5 stelle 

PG 520657_7.06.18 invio schemi delib. iniziativa cons.