CORTE DEI CONTI depositati due esposti dal Movimento 5 stelle

STAMATTINA 25 febbraio 2019 i portavoce in Consiglio comunale Marta Matano e Matteo Brambilla hanno depositato altri due esposti presso la Procura della Corte dei Conti Sezione Regionale per la Campania.  

Questi due esposti riguardano la vicenda TARI e una serie di disfunzioni che hanno provocato mancati introiti per le casse comunali.

Per quanto concerne la vicenda TARI, oltre ad evidenziare il ritardo e la confusione con cui è stata attuata la procedura, che difficilmente produrrà gli incassi sperati, ma anche le spese, per circa due milioni di euro, per implementare i software a disposizione e poter individuare quindi i cittadini che non hanno versato ovvero che hanno versato in parte o in maniera difforme.

I ritardi con cui è stata affrontata la vicenda è frutto della approssimazione con la quale questa Amministrazione – da 7 anni a questa parte – affronta i problemi della organizzazione amministrativa e la gestione della Città nel suo complesso. Come riportato anche dalla stampa odierna, una serie di ricorsi si riverseranno sul Comune, rendendo vana la possibilità di incassare effettivamente le somme previste, causando quindi un danno erariale per il Comune determinato dal mancato incasso e dalle spese per un sistema che comunque non consente di monitorare la problematica dei soggetti tenuti al pagamento delle tasse locali.

Il secondo riguarda invece una serie di operazioni poco trasparenti che determinano, ad avviso dei portavoce una serie di danni erariali.

Il primo riguarda la gestione dei debiti derivanti dalla ricostruzione post-terremoto. Mentre per il famoso CR 8, è stato chiesto, in ritardo e senza addivenire per tempo ad una transazione con il creditore, l’intervento dello Stato, con il Consorzio CN 10 si è proceduto direttamente alla liquidazione del debito. La materia ed il contenzioso è identico per cui se il Comune chiedeva anche in questo caso l’intervento statale si poteva addivenire ad un risparmio di circa 7,5 milioni di euro. Altra questione riguarda la mancata sottoscrizione della convenzione per lo Stadio San Paolo. Il solo fatto della mancata sottoscrizione ha determinato un mancato incasso complessivo di circa 9 milioni di euro. Anche per la gestione di immobili comunali sono stati rilevate una serie di anomalie, solo in parte precisate dagli uffici che riguardano la conduzione di alcuni uffici senza che vengano pienamente utilizzati dal Comune. Su tale aspetto appare emblematica la vicenda dell’ “ex Asilo Filangieri” per il quale, di recente, la Corte dei Conti ha già condannato ex assessori e dirigenti comunali. Infine la vicenda di “Palazzo Cavalcanti” concesso a alcune società a costi molto contenuti senza porre in essere in “servizio a domanda individuale” e senza nemmeno far discutere la proposta di iniziativa consiliare a firma sempre dei portavoce in Consiglio.

I Portavoce Consiglieri comunali Movimento 5 stelle

Marta Matano  Matteo Brambilla

Rimozione veicoli gravi responsabilità sui ritardi

Matteo Brambilla portavoce M5s sulla delibera n. 699 del 2017  sul Servizio di rimozione, deposito e custodia dei veicoli che sostano in violazione del codice della strada 

Brambilla (Movimento 5 Stelle), ha parlato del ritardo con il quale la delibera arriva in aula. Dal 1995 ad oggi sono mutati i ricavi del servizio rimozione, e la responsabilità su questo mancato servizio strategico per le casse comunali non può che essere di chi doveva vigilare su questo, è inaccettabile dare la responsabilità ai consiglieri, mentre esistono precise responsabilità da danno erariale dei dirigenti.

Delibera di G.C. n. 699 del 07.12.2017 di proposta al Consiglio avente ad oggetto: Servizio di Rimozione, deposito e custodia dei veicoli che sostano in violazione del Codice della Strada, ai sensi dell’art. 159 del D.Lgs.30.04.1992 n. 285. Revoca della Deliberazione del C.C. n. 146 del 05.06.1995. Approvazione della tariffe in base al Decreto Ministeriale 401/1998.Assessore: Clemente – Emendata e approvata all’unanimità dei presenti

DGC 699 07.12.2017 PropCustodVeicinviolazCodice

parere revisori delibera 699 proposta al consiglio

M5s voto sì  emendamento n. 1 dgc 699 

M5s voto no emendamento sub n. 699

M5s voto sì emendamento sub 2 n. 699

A Napoli solo un addetto di 63 anni per l’aggancio auto al carro attrezzi