RIFIUTI, a Napoli è emergenza ? perchè si ferma la differenziata se si ferma l’inceneritore ?

RIFIUTI a Napoli è emergenza?

i nostri amministratori sostengono che non c’è nessuna emergenza rifiuti.

Da queste foto mandate da attivisti della sesta, nona e decima municipalità si direbbe il contrario. O i cittadini non sanno più vedere coi loro occhi la REALTA’? Oppure qualcuno ha perso il contatto con questa realtà.

Una domanda a sindaco, assessore e amministratore di Asia:

perchè si ferma la differenziata se si ferma l’inceneritore?

QUALE E’ IL NESSO?   Vogliamo delle risposte.

Matteo Brambilla portavoce al Consiglio comunale M5s

#IOMIRIFIUTO #ASIA #COMUNEDINAPOLI #RACCOLTADIFFERENZIATA

 

 

Rassegna stampa degli ultimi giorni

28 aprile RIFIUTI Napoli rischia ancora

27 aprile flop rifiuti e normalità mai raggiunta

29 aprile Rifiuti da Napoli riparte la nave carica

29 aprile NApoli incubo rifiuti

1 maggio RIFIUTI, raccolta a rilento cumuli via Marina e Quartieri spagn

04 maggio Rifiuti A2A avviso ignorato il Comune sapeva del blocco

04 maggio ASIA ammette emergenza rifiuti

04 maggio Crisi rifiuti Dema smentito se manca il coraggio delle scelte

04 maggio sito di stocaggio pieno e riciclo a rischio

5 maggio Rifiuti Ortolani differenziare è la vera alternativa

5 maggio Rifiuti IAcotucci Asia ma non chiamiamola emergenza

5 Maggio Rifiuti Pianura situazione al limite

5 maggio Rifiuti slalom dei turisti a Piazza Dante

 

Interrogazione Parco Robinson a Fuorigrotta bene comune negato ( Ricevuta la risposta)

RIAPRITE  IL PARCO ROBINSON L’UNICO PARCO PUBBLICO DI FUORIGROTTA! AGGIORNAMENTO IL GIORNO 26 APRILE 2017  DOPO CIRCA 6 MESI ABBIAMO RICEVUTO LA RISPOSTA DEL VICE SINDACO RAFFAELE DEL GIUDICE ALL’INTERROGAZIONE PRESENTATA IL 7 NOVEMBRE 2017  scarica qui la risposta 321347_ riscontro del 26.04.2017 Parco Robinson

FUORIGROTTA  PARCO ROBINSON UN BENE COMUNE NEGATO AI CITTADINI DA TRE ANNI

Il 7 novembre il gruppo consiliare del Movimento 5 stelle del Comune di Napoli ha presentato interrogazione a risposta scritta a firma dei consiglieri Matteo Brambilla e Lucia Francesca Menna sulla Situazione del Parco “Robinson” di viale J.F. Kennedy e prospettive per l’immediato futuro. 

Il 25 ottobre il gruppo consiliare del Movimento 5 stelle della Municipalità 10 di Napoli Bagnoli-Fuorigrotta a firma dei consiglieri Stefano Capizzi  e Salvatore Morra ha presentato  ha presentato Interrogazione a risposta orale ex art. 65 Regolamento X Municipalità al Presidente della Municipalità 10 di Napoli Bagnoli-Fuorigrotta Dott. Diego Civitillo sulla  Situazione del Parco “Robinson” di viale J.F. Kennedy e prospettive per l’immediato futuro.interrogazione-robinson_pagina_1

 

 

interrogazione-robinson_pagina_1interrogazione-robinson_pagina_1interrogazione-robinson_pagina_2

Un monumento dimenticato a Fuorigrotta : la settecentesca stele di piperno di Piazza Pilastri

La settecentesca stele di piperno di piazza Pilastri (Fuorigrotta) è un piccolo pezzo di Storia, che testimonia come i nostri quartieri fossero crocevia delle interazioni, soprattutto commerciali, tra Napoli e l’area flegrea. Purtroppo il sito è preda dell’incuria e dell’indifferenza.

Il M5S promuoverà una discussione in merito nella Commissione Municipale competente per rilanciarne la valorizzazione.

I portavoce del Movimento 5 stelle alla Municipalità 10 – Bagnoli Fuorigrotta Salvatore Morra e Stefano Capizzi evidenziano l’ennesimo degrado nel quartiere Fuorigrotta.

LAPIDE IN DEGRADO – Incastrata nel muro di cinta della scuola media “Silio Italico” la stele in piperno, recante le disposizioni del Tribunale Generale della Pubblica Salute per volontà di Ferdinando IV Re delle Due Sicilie, mostra preoccupanti condizioni di degrado.

L’antica via dei mercanti : “IN QUESTO LUOGO…” …devono fermarsi i carri e le some che fanno ritorno dalla maturazione de canapi e lini seguita nel lago di Agnano.  Per i contravventori ha stabilito la pena di due mesi di carcere nella prima volta nella seconda della perdita dei carri …23 luglio 1789” recita la lapide voluta da Re Ferdinando IV.

Un antico blocco sanitario, dunque, quello posto in piazza Pilastri al limite occidentale della città di Napoli; valido strumento per arginare la diffusione della malaria che a quel tempo flagellava la conca flegrea.

Restate connessi!