Brambilla (M5s) Piano riequilibrio Alienazioni 2018 in Consiglio


Matteo Brambilla Portavoce del Gruppo Movimento 5 stelle al Consiglio Comunale  29 novembre 2018 interviene sul piano di riequilibrio , alienazioni immobili e assestamento bilancio

E’ UN PO’ LUNGO CIRCA 35 MINUTI, MA VI CONSIGLIO DI ASCOLTARLO TUTTO.
AVVERTENZA: I TONI SONO ADEGUATI ALLA PRESA IN GIRO DI QUESTA MANOVRA DI RIEQUILIBRIO…

Il consigliere Brambilla (Movimento 5 Stelle), riferendosi nel dettaglio del ricorso alla Corte dei Conti, ai punti accolti e a quelli rinviati al vaglio della Corte Costituzionale, ha sostenuto che, se verrà verificato il miliardo e 200 milioni di extra deficit, questo graverà ulteriormente sui cittadini; si è poi soffermato sul piano di alienazione, dal quale ora manca l’ex Albergo dei Poveri, sui debiti fuori bilancio e sull’ammontare degli interessi che si dovranno pagare perché non sono ancora arrivati in Aula, sugli impianti sportivi, con l’aumento delle tariffe dal 2020, sul “presumibile” incremento delle percentuali di riscossione; altri argomenti richiamati: la riduzione degli stipendi delle partecipate, osservando che in nessun caso si prevedono tagli ai superminimi di ANM; sempre su ANM si prevede che il Comune darà soldi solo fino al 2019, in base al piano del 2017; e che il 40% sarà comunque alienato, con buona pace di chi sostiene che Napoli sarà la capitale europea dei trasporti; il nuovo contratto Napoli Servizi, la rete gas comunale, il piano residuale di vendite dal 2021 al 2025, le terme di Agnano, un pezzo di storia della città data via solo per stare a galla, il mancato taglio ai costi della politica e tagli alle Municipalità; insomma, non sarà possibile nessun miglioramento dei servizi e i cittadini pagheranno fino al 2044 i costi di queste incapacità; contestando l’emendamento al Milleproroghe che sterilizzando per un anno il debito ha consentito ad una amministrazione incapace di adeguata programmazione di sopravvivere, barattando la sopravvivenza politica con l’affossamento totale della città di Napoli.  cit. Gabriella Carrino Ufficio Stampa Comune di Napoli

Delibera di G.C. n.555 del 22.11.2018 di proposta al Consiglio avente ad oggetto: Aggiornamento del Piano delle Alienazioni e Valorizzazioni Immobiliari (PAVI) e del Piano Straordinario di vendita approvati con deliberazioni consiliari nn. 27 e 28/2018. Vicesindaco: Panini; Assessore: Clemente

Emendata e approvata a maggioranza con 23 voti favorevoli. Approvate tre mozioni

DGC 555 22.11.2018 agg piano alienvaloriz immob

ParCollRevisDGC 555 22.11.2018

Delibera di G.C. n.556 del 23.11.2018 di proposta al Consiglio avente ad oggetto: Approvazione, ai sensi dell’articolo 1, comma 2 – quater, del D.L. 25 luglio 2018, n. 91, convertito dalla L. 21 settembre 2018, n. 108, della nuova riformulazione del Piano di Riequilibrio Finanziario Pluriennale, già riformulato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 19/03/2018 ex art. 1 commi 888 e 889 della Legge 27 dicembre 2017, n. 205 ed ex art. 243-bis del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267. Vicesindaco: Panini

Approvata all’unanimità dei presenti 

 dgc_231118_0556

ParCollRev DGC 556 23.11.2018

NUOVA_RIFORMULAZIONE_PIANO_RIEQUILIBRIO_COMUNE_DI_NAPOLI_signed_signed

Delibera di G.C. n.557 del 23.11.2018 di proposta al Consiglio avente ad oggetto: Variazione del bilancio di previsione 2018/2020 – annualità 2018 – 2019 – 2020 in relazione alla nuova riformulazione del Piano di Riequilibrio finanziario pluriennale ex art. 1 comma 2-quater D.L. 91/2018 e art. 1 commi 888 e 889 della Legge 205/2017. Vicesindaco: Panini

dgc_231118_0557                 ParCollRev DGC 557 23.11.2018

RASSEGNA STAMPA COMUNE di NAPOLI 

Bilancio scontro in aula DEBITI per 26 anni finoal 2044

Bilanci si al riequilibrio valzer di deleghe

dema punta su IMU e Tari

TAsse il comune scopre 30 mila famiglie fantasma

ANM apre ai privati, Adeguamento statuti Società Partecipate

9 ottobre Consiglio comunale intervento su modifica statuti partecipate. Matteo Brambilla, capogruppo del MoVimento 5 stelle  unico in aula che ha letto che nello statuto di ANM hanno inserito la possibilità di entrata di capitali PRIVATI in ANM.

Il tutto sarebbe passato nel silenzio dell’aula senza il mio intervento; nessuno si era prenotato per parlare, nessuno lo aveva visto.

Oggi su tutti i giornali è riportato l’articolo 6 dello statuto di ANM in questione, senza dire chi ha posto la questione. Lo sapete noi non abbiamo visibilità sui giornali o televisioni locali come il sindaco e le due deputate presenti in aula, ma possiamo far girare in rete questi video per far capire quello che cercano di fare senza che nessuno se ne accorga. NOI NON CI ARRENDEREMO MAI!!!

Delibera G.C. n. 421 del 27.07.2017 Proposta al Consiglio: Adeguamento, ai sensi dell’art.26 D. Lgs. 175 del 19 agosto 2016 (Testo Unico in materia di società a partecipazione pubblica), così come modificato dall’art.17 del D.Lgs.100 del 16 giugno 2017, degli statuti delle società a controllo pubblico detenute dal Comune di Napoli. Assessori: Panini  DGC 421 27.07.2017 AdegStat Soc Partec .compressed

Parere dei revisori dei conti    Parere_alla_deliberazione_n._421_del_27.07.2017

dal Mattino di oggi     Anm, linea dura del Comune di Napoli: «Accordo o licenziamenti»

“Il secondo incontro era già partito sotto cattivi auspici. Prima la grande tensione per la vicenda della modifica allo statuto Anm che consente l’innesto dei privati nella compagine aziendale, poi l’immediata uscita di Federmanager dalla sala delle trattative: ha chiesto e ottenuto di avere un confronto separato rispetto agli altri lavoratori. E, subito dopo, è giunto anche l’abbandono delle trattative da parte dei rappresentanti della sigla Usb. Mentre iniziava la notte hanno diffuso un comunicato: «Ancora una volta registriamo la mancata presenza del sindaco, che leggiamo come una mancanza di attenzione rispetto ad una delicata vertenza come quella del trasporto pubblico locale. Usb ritiene che non ci siano le condizioni per continuare ad affrontare le singole problematiche senza una visione di sistema che ponga le basi su un concreto piano industriale ed adeguate risorse da subito disponibili. Per Usb è pregiudiziale che vi sia l’apertura verso il privato e che non si abbia la certezza dell’azienda unica in ambito metropolitano con all’interno ferro, gomma e sosta. Le restanti questioni riteniamo che possano essere tranquillamente discusse in ambito aziendale.”

http://www.ilmattino.it/napoli/cronaca/anm_linea_dura_del_comune_di_napoli_accordo_o_licenziamenti-3294825.html

A.N.M. S.p.A, M5s ha votato No alla deliberazione C.C.n.23 del 31.3.2017 – i video e la delibera completa

CONSIGLIO COMUNALE – Commissioni congiunte Bilancio e Infrastrutture sul piano di risanamento Anm

Etica e moralità e responsabilità della politica nelle partecipate e stipendi dirigenti ANM

giovedì 5 ottobre 2017 gli interventi del consiglio comunale  IL SINDACO RISPONDA!!!

Il primo è intervento articolo 37 su etica moralità e responsabilità della politica, in riferimento a conflitti di interesse nelle partecipate e alla situazione ANM sul lauto stipendi dirigenti.

Comunicato stampa Ufficio stampa consiglio comune

Matteo Brambilla (Movimento 5 Stelle) sulla situazione di ANM, invitando l’amministrazione comunale a ripristinare una corretta etica politica e responsabilità, disponendo, come previsto dalla legge, la riduzione degli stipendi degli amministratori delle società che abbiano avuto per tre anni di fila bilanci in passivo;