Universiadi 2019, resoconto di Francesca Menna (M5s)

Ieri, lunedì 27 novembre, si è tenuta la prima seduta operativa della Commissione consiliare delle Universiadi, l’olimpiade universitaria internazionale nata proprio in Italia nel 1959 e che sarà ospitata a Napoli per la sua trentesima edizione, nel 2019.

Era presente in Commissione il Prof. Pasquino, Presidente dell’ARU, Agenzia Regionale Universiadi.

Si è parlato di molti aspetti coinvolti nell’organizzazione della grande manifestazione sportiva. Personalmente ho insistito affinchè lo sguardo e l’intervento del Comune non fossero solo sugli aspetti di più diretta competenza, come gli impianti, ma più sistemico, per far sì che si proceda in maniera sinergica con le altre Commissioni consiliari interessate e con i soggetti istituzionali coinvolti.

Per questo motivo ho proposto di fare riunioni di Commissione Universiadi mirate appunto per argomento, coinvolgendo e dialogando così di volta in volta con gli attori interessati.

In estrema sintesi, gli argomenti che abbiamo affrontato, hanno riguardato la nomina del Commissario governativo, su cui è necessario vigilare per garantire la massima trasparenza, anche alle luce dell”accelerazione delle procedure che si sta cercando di inserire negli emendamenti alla legge finanziaria in discussione in queste settimane in Parlamento. L’ospitalità dei circa 12mila ragazzi attesi in città, la figura del Coordinatore, soprattutto riguardo ai compiti e alle responsabilità, considerato che la retribuzione prevista per l’incarico è di 10mila euro al mese. Il reclutamento di circa 8mila volontari, su cui vigilerò con la massima attenzione per evitare il ripetersi di situazioni di sfruttamento del lavoro verificatesi in occasione di grandi eventi. Sarà mia cura accertarmi che le collaborazioni avvengano con regolari contratti e con il rispetto dovuto dei diritti e delle condizioni di lavoro.

L’assessore allo Sport presente ci ha aggiornato sullo stato degli impianti. Ne sono stati individuati vari sul territorio cittadino (come il Collana, per gli allenamenti). La scelta è stata fatta dalla federazione sportiva con l’ausilio di risorse interne al Comune, quattro architetti in particolare e gli uffici tecnici, che hanno collaborato nell’individuazione degli impianti e nella definizione delle condizioni e degli interventi da effettuare per renderli idonei (i fondi stanziati per la messa a punto degli impianti sono in totale 28 milioni e 500mila euro).

L’acquisizione infine di circa 350 autobus per facilitare gli spostamenti, dei quali cercheremo di fare in modo che almeno 100 siano in affidamento all’Anm.

Il coordinamento, necessario, con i distretti sanitari e l’individuazione di un referente in Regione CampaniaL’ARU supporterà la Commissione per tutti gli aspetti di cui andremo ad occuparci.

Di volta in volta vi terrò aggiornati con tutti gli elementi di dettaglio che affronteremo.

Il mio impegno, come Movimento 5 Stelle, sarà come detto quello di portare il nostro sguardo, perché  l’appuntamento di questi giochi non si risolva – come troppo spesso abbiamo visto – in una distribuzione occasionale di risorse per quanti riescono ad inserirsi nell’organizzazione, passando sulla città come una sorta di tempesta, ma in un’occasione per Napoli di esprimere il suo potenziale di intelligenza e di accoglienza e generare una piccola leva di sviluppo futuro.

Francesca Menna – Portavoce Movimento 5 stelle