M5S PRESENTERA’ MOZIONE SFIDUCIA A GIUNTA DE MAGISTRIS

I portavoce del Movimento 5 Stelle di Napoli hanno oggi annunciato la presentazione di una mozione di sfiducia verso il Sindaco di Napoli nel corso di una conferenza stampa presso la sede del Consiglio Comunale sullo stato di crisi del Comune di Napoli.

Erano presenti i due consiglieri comunali Matteo Brambilla e Francesca Menna ed i parlamentari Paola Nugnes e Roberto Fico.

Da una analisi della delibera 240 della Sezione Regionale della Corte dei Conti, il consigliere Matteo Brambilla ha puntualizzato i vari aspetti di criticità contabile emersi dalla Relazione della Corte dei Conti, collegandoli con quelli che sono stati – a giudizio del M5S – gli errori amministrativi e di gestione che hanno portato il Comune di Napoli e le sue aziende partecipate sull’orlo del dissesto, come il mancato riconoscimento dei debiti fuori bilancio, l’utilizzo della anticipazione di cassa riferita al fondo di rotazione (predissesto) in maniera non corretta, il mancato controllo delle spese del Comune e delle partecipate.

Ed a conclusione del suo ragionamento, Brambilla ha preannunciato la presentazione di una mozione di sfiducia verso il Sindaco e la giunta, responsabili della situazione di crisi del Comune.

Francesca Menna si è soffermata sulle ricadute negative sulla azienda ABC – forse unica azienda pubblica per la gestione e distribuzione della risorsa idrica, e proposto un piano di riordino e di razionalizzazione delle municipalità e lo svolgimento delle commissioni nel pomeriggio. Questo in linea con le diverse proposte avanzate già da tempo dai consiglieri del M5S, per tagliare i costi della politica, una operazione doverosa in un momento in cui si chiedono enormi sacrifici ai cittadini ai quali non vengono resi più servizi pubblici degni di questo nome.

Le difficoltà finanziarie del Comune hanno ricadute importanti anche su aspetti strategici e di sviluppo della città. Paola Nugnes ha infatti sottolineato la debolezza del Comune sui grandi progetti della Città come Bagnoli, il Porto e Napoli EST. Su questi tavoli il Comune non riesce ad avanzare proposte in conseguenza della sue difficoltà gestionali.

Infine Roberto Fico ha ricordato come le problematiche che vive oggi il Comune di Napoli erano già presenti nel 2011, all’inizio del primo mandato di de Magistris ma questi, piuttosto che seguire i suggerimenti del suo assessore al bilancio Realfonzo, ha preferito licenziare l’assessore e cercare un percorso che invece ha solo finito per peggiorare la situazione.

Tutti gli intervenuti hanno sottolineato come il dato del dissesto emerge da quanto rappresentato dalla Corte dei Conti ed ora è necessario fare una operazione di trasparenza sui conti a garanzia del Comune e della Città.

Si deve prendere atto del fallimento del Sindaco de Magistris e lavorare per il rilancio di Napoli.

QUI I VIDEO DEGLI INTERVENTI

Delibera Corte dei conti n. 240 del 13.09.2017 Piano di riequilibrio finanziario Comune di Napoli evidenzia il fallimento, grave e reiterato, dell’obiettivo del piano di riequilibrio finanziario ; il 31.12.2017 se il Comune, come appare evidente dalla delibera della Corte dei Conti, dovesse fallire per il terzo anno consecutivo il piano di riequilibrio, la Corte dei Conti boccerà definitivamente il piano stesso; la immediata conseguenza è l’applicazione dell’art. 244 TUEL “ dissesto” ed entro 20 giorni il Consiglio dovrebbe redigere una delibera consiliare di accertamento del dissesto.

Delibera CorteCont 240 13.09.2017 PrRieqBilan

Rassegna stampa

NAPOLI: M5S PRESENTERA’ MOZIONE SFIDUCIA A GIUNTA DE MAGISTRIS =NAPOLI: M5S PRESENTERA’ MOZIONE SFIDUCIA A GIUNTA DE MAGISTRIS = Napoli, 6 nov. (Adnkronos) – Il gruppo del Movimento 5 Stelle in Consiglio comunale di Napoli, composto dai due consiglieri Matteo Brambilla e Francesca Menna, presenterà una mozione di sfiducia contro la Giunta guidata dal sindaco Luigi de Magistris in occasione della prossima seduta di Consiglio comunale. Lo hanno annunciato questa mattina nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato i parlamentari Roberto Fico e Paola Nugnes. Secondo Fico “il Comune è in dissesto ma non lo diciamo solo noi, lo dice anche la Corte dei Conti. Bisogna essere chiari e dire quanti e   quali sono i debiti, non ascrivere incassi in bilancio che risultano non esserci. Bisogna fare un’operazione trasparenza a salvaguardia del Comune e di tutti i cittadini napoletani. Non so se l’amministrazione de Magistris durerà fino al 2021 ma la situazione è grave e ci sono le possibilità che questa Giunta salti”. (segue) (Zca/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 06-NOV-17 13:23 NNNN
***********************************
NAPOLI: M5S PRESENTERA’ MOZIONE SFIDUCIA A GIUNTA DE MAGISTRIS (2) =NAPOLI: M5S PRESENTERA’ MOZIONE SFIDUCIA A GIUNTA DE MAGISTRIS (2) = (Adnkronos) – Per Paola Nugnes “è chiaro che la terza bocciatura consecutiva rende inevitabile il dissesto. E’ un dato da registrare, non ci fa piacere farlo ma bisogna prendere atto di un fallimento. Ci sono dei dati estremamente gravi come la sottrazione di 16 milioni di euro alle casse dell’Abc (Acqua bene comune)”. Matteo Brambilla, nel 2016 candidato a sindaco di Napoli per il Movimento 5 Stelle e oggi consigliere comunale napoletano, sostiene che “non siamo noi a sfiduciare la Giunta, ma è la Giunta che si è sfiduciata da sola. Quando la Corte dei Conti blocca la spesa a un Comune, significa che questo Comune non è in grado di gestire neanche le spese ordinarie. Si tratta quindi di un fallimento politico su tutta la linea. In questo anno e mezzo sono stati presentati in Consiglio documenti diversamente veri, i bilanci 2015 e 2016 erano falsati. Ci è stata raccontata una realtà che i conti ci dicono è diversa. A pagare il prezzo più alto – conclude – è la città di Napoli”. (Zca/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 06-NOV-17 13:23 NNNN
***********************************
Napoli: M5S, pronti a presentare sfiducia in ConsiglioZCZC0020/SXR ONA96622_SXR_QBXO R REG S44 QBXO Napoli: M5S, pronti a presentare sfiducia in Consiglio Comune e’ in dissesto, a differenza di quanto dice il sindaco (ANSA) – NAPOLI, 6 NOV – Pronti a presentare una mozione di sfiducia contro il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. Il Movimento 5 Stelle in Consiglio comunale a Napoli, prepara le mosse in occasione della prossima seduta dell’assise. “Questa giunta si e’ sfiduciata da sola – ha affermato Matteo Brambilla, esponente grillino di via Verdi – quando la Corte dei conti blocca la spesa del Comune certifica che non e’ in grado di gestire le spese ordinarie quindi un fallimento su tutta la linea”. “Sono stati presentati in Consiglio dei documenti diversamente veri, con dati falsati dal disavanzo di 1 miliardo di euro, e’ stata presentata la rimodulazione di un piano che non poteva essere fatta secondo quelle indicazioni – ha affermato – il racconto di una realta’ diversa da quella dei conti”. “La cosa che piu’ ci rattrista come cittadini nelle istituzioni – ha aggiunto – e’ che a pagare il prezzo piu’ alto e’ la citta’ di Napoli dove mancano i servizi”. “Il Comune e’ gia’ in dissesto – ha concluso – a differenza di quanto dice il sindaco che parla solo di raccomandazioni”. (ANSA). YW9-SS 06-NOV-17 13:19 NNNN
***********************************
Napoli: Nugnes, Corte conti boccia Comune per terzo anno
ZCZC0019/SXR ONA96621_SXR_QBXO R POL S44 QBXO Napoli: NUGNES, Corte conti boccia Comune per terzo anno (ANSA) – NAPOLI, 06 NOV – “Per il terzo anno consecutivo c’e’ una bocciatura della Corte dei conti e questo rende inevitabile il dissesto”. Lo ha detto Paola NUGNES, parlamentare del Movimento 5 Stelle, in merito alla situazione dei conti del Comune di Napoli. “E’ un dato che dobbiamo registrare – ha affermato – Non ci fa piacere registrarlo, ma e’ cosi'”. “Dichiarare il dissesto sarebbe stata una strada coraggiosa – ha aggiunto – ma forse quella giusta da percorrere”. “Oggi dobbiamo prendere atto di un fallimento che si e’ voluto percorrere senza aprire nuove strade – ha concluso – con un errore reiterato, ci sono dei dati che sono estremamente gravi come la sottrazione di milioni di euro, 16 milioni se non sbaglio, alle casse della Abc”. (ANSA). YW9-TOR 06-NOV-17 13:13 NNNN
IL MATTINO
CORRIERE DEL MEZZOGGIORNO 

TGR CAMPANIA  http://www.rainews.it/dl/rainews/TGR/basic/PublishingBlock-d2203e2e-1690-4898-839d-f712cdab8eb1.html

REPUBBLICA NAPOLI

#SFIDUCIA AL PRESIDENTE X MUNICIPALITA’, IL FALLIMENTO è TUTTO POLITICO

#SFIDUCIA al Presidente della X Municipalità: i numeri traballano ma tengono, il fallimento è tutto politico – report portavoce Stefano Capizzi M5SMaestro Salvatore Morra

Nel corso del Consiglio municipale del 21/09, abbiamo come M5S convintamente votato la mozione di sfiducia (poi non passata, sebbene la maggioranza abbia perso 2 elementi) presentata nei confronti del Presidente Diego Civitillo il quale, a nostro giudizio, si è reso colpevole di una gestione che sta ricalcando nella forma e nella sostanza quelle del passato, senza dare lo scossone necessario a “rianimare” un Ente ormai in piena agonia.

Alle indubbie carenze endemiche del sistema (denunciate dal M5S in conferenza stampa a luglio), la Giunta arancione non è stata capace di contrapporre un forte indirizzo politico-amministrativo, anche di dissenso verso i numerosi “schiaffi” (su bilancio, Parco Robinson, c.d. Movida selvaggia, aumenti dei mezzi pubblici, sullo stesso “Accordo Bagnoli”, ecc.) subiti per mano del Comune centrale.

L’indifferenza e l’apatia, ormai strutturali, hanno condotto ad una stagione politica di ossequio alle direttive di Palazzo San Giacomo e di disarmante pochezza rispetto ai problemi concreti dei cittadini (decoro e igiene urbana, sicurezza, viabilità, spazi per i giovani, ecc.).

A ciò va sommata l’instabilità di una maggioranza a dir poco eterogenea, che non ha apportato rinnovamento alla classe politica e non è riuscita a mettere assieme un’idea comune del futuro del territorio.

Peraltro, nello svolgimento stesso del processo che ha portato al voto di sfiducia, un grave atto è stato compiuto dalla maggioranza con la posticipazione (a nostro avviso viziata e per la quale abbiamo prodotto apposita diffida all’annullamento) del voto stesso, svoltosi a due settimane dall’inizio della discussione.

Come M5S abbiamo, in quella sede, ribadito tutti i motivi illustrati poc’anzi e ribadito la nostra posizione di ferma sfiducia, una sfiducia che tuttavia non arresta le nostre attività e le nostre battaglie.

Avanti tutta!