Un principio fondamentale: il rifiuto non esiste

Quello sui rifiuti è il primo punto del nostro programma e parte da un principio fondamentale: il rifiuto non esiste, è materiale di scarto che va recuperato. In questo settore l’amministrazione ha fatto molto poco. La raccolta differenziata è ferma al 25%, un dato insufficiente.

Bisogna voltare pagina e bisogna farlo con una progettualità e una visione precise perché dalla gestione virtuosa dei rifiuti si possono generare a catena effetti positivi per la città, l’ambiente, l’occupazione e la salute. Napoli può diventare un modellovirtuoso. Come?

Innanzitutto coinvolgendo i cittadini in modalità diverse. Vogliamo premiare i cittadini virtuosi che fanno la raccolta differenziata attraverso la previsione di tariffe puntuali: paghi per i rifiuti che produci e risparmi se produci pochi rifiuti e se differenzi. Solo così ci sarà un serio incentivo che permetterà di far salire la percentuale della differenziata.

Oltre a questo, serve incentivazione e sostegno del compostaggio domestico, di quartiere e in spazi pubblici.
Vogliamo costituire inoltre aree nei quartieri per lo scambio dei materiali ingombranti, pensando a incentivare il riutilizzo di tutti quei beni che possono essere recuperati.

Per valorizzare i rifiuti e trasformarli in risorse è fondamentale la vendita diretta della materia prima/seconda, creando dei distretti comunali del riciclo.
Per Napoli serve un porta a porta di qualità, da realizzare anche attraverso l’utilizzo di mezzi di raccolta alternativi in quelle zone che sono più difficili da raggiungere con i mezzi tradizionali.
Altro tema è il potenziamento del corpo delle guardie ambientali per vigilare proprio sulla raccolta differenziata e sul compostaggio anche grazie anche a telecamere mobili per il monitoraggio dei punti di sversamento. Chi sbaglia deve pagare con sanzioni serie.

Una Napoli a 5 stelle dice no a inceneritori, discariche e biodigestori. Il modo migliore per affrontare il tema rifiuti è non trasformalo mai in emergenza. È questo uno dei motivi per cui il MoVimento 5 Stelle è nato.

Matteo Brambilla
rifiuti