Villa Floridiana tutto quello che sappiamo [Video]

La situazione della Villa Floridiana è una situazione grave, a causa di anni ed anni di abbandono totale, dove probabilmente non è mai stata fatta la dovuta manutenzione.

Assenti il vicesindaco Tommaso Sodano e il soprintendente ai beni culturali Fabrizio Vona che erano stati invitati dalla Municipalità ad intervenire.

Presente invece la Dott.ssa Maia Confalone cooresponsabile del parco della Villa Floridiana la quale ha cercato, a mio avviso senza riuscirci molto bene di rispondere alle domande dei presenti.

E’ stato presentato un documento, approvato poi all’unanimità dal consiglio, dove sostanzialmente si chiede alla Sovrintendenza dei beni culturali, ed al Comune di Napoli assieme alla Municipalità V, di stipulare una convenzione dove siano previste tutta una serie di attività che possano rendere più fruibile e più aperta ad attività la Villa, e per cercare di attivare anche quel flusso turistico che potrebbe derivare dalla Città stessa. Tutto questo per procurare nuove risorse economiche da destinare alla cura e manutenzione della Villa Floridiana.

Personalmente nel mio intervento ho chiesto :

a) visto che è oltre un anno che la Villa Floridiana è utilizzabile solo al 10%/15% perchè recintata per pericolo caduta alberi, quali sono stati i lavori effettuati sino ad oggi ?

b) quale è il programma dei lavori, quanti alberi devono essere potati ?

c) quale è il costo complessivo dell’operazione ?

d) che fine ha fatto il bar che era stato aperto nella zona del belvedere, come andava ? era redditizio ?

e) ho fatto presente che durante la chiusura della Villa Floridiana non è stato apposto nessun cartello che avvisasse i cittadini del motivo per il quale fosse stata chiusa, e che questo non può che determinare un allontanamento dei cittadini dalla cosa pubblica, che si sentono mortificati ed estranei. (foto)

L’unica risposta parziale che mi è stata data è che solamente lungo il vialone centrale ci sono n°112 alberi da potare.

Qui trovate il video del consiglio, l’audio è un po basso a causa dell’ambiente grande e dell’amplificazione in sala con volume moderato.

Più duro e mirato l’intervento del nostro consigliere Mariano Peluso che ha parlato di mancanza di manutenzione e di sprechi, a tal proposito vi mostro nel seguente video, da me girato l’errata disposizione delle videocamere di sorveglianza interna alla Villa Floridiana

Il video è stato girato l’11 Gennaio 2011

Volendo riassumere la situazione attuale della Floridiana è questa :

1) fra circa 10 giorni non sarà più possibile potare gli alberi e bisognerà aspettare l’arrivo del prossimo inverno per riprendere i lavori

2) si farà il possibile per aprire la zona del Belvedere per poter usufruire della veduta in occasione dell’America’s Cup

3) i tempi per il ripristino totale della Villa Floridiana non sono stimabili, quindi datevi voi una risposta

4) la Villa rimarrà aperta e si potrà usufruire del vialone principale dall’ingresso di via Cimarosa sino al Museo compreso il grande prato centrale

insomma non ci sono buone notizie, anzi, ma noi Vi invitiamo comunque a partecipare sempre e a pretendere quello che ci spetta perchè tutto ciò è il risultato a mio avviso del lassismo e dell’incompetenza più totale applicata ai beni comuni, se avete altre domande o richieste da fare ai responsabili sulla pagina web della Floridiana trovate numeri di telfono e indirizzo email .

About Giuseppe Rondelli

Cittadino attivo del M5S di Napoli

  • Giovanni Nocella

    Visto che dalla Pubblica Amministrazione non c’è altro da aspettarsi che inerzia ed inefficienza, perchè il M5S non propone un Comitato Cittadino per la Gestione della Villa Floridiana? Si potrebbe costituire con tanto di Statuto e organi sociali, sotto il controllo diretto dei cittadini. Servirebbe a sensibilizzare i cittadini e gli operatori economici del Vomero, raccogliere fondi (donazioni, biglietti di ingresso Museo (esiste ancora?), bar, ristoro (gestiti da cooperative di giovani)) ed utilizzarli per gli interventi più urgenti e per la gestione ordinaria, in modo da restituire il Parco ai cittadini ed ai turisti trasformandolo in una risorsa sociale, culturale ed economica. Insomma, un “fai da te” della gestione della cosa pubblica (= democrazia diretta!).

  • Quello che è incredibile è che la Floridiana non abbia fondi previsti direttamente per la sua gestione, ma, come ha detto la Confalone,siano di volta in volta prelevati da quelli destinati ai Beni Culturali ed Ambientali esistenti a Napoli, nè si è compreso perché sia stata annullata una convenzione che funzionava abbastanza con il Comune di Napoli. Fatto sta che lo stato è di pietoso abbandono, non è solo un problema di alberi, ma i prati sono in rovina, le piante semi appassite, le panchine in stato pietoso….